Chi ha tolto quel “come te stesso?”

0

Stare bene con noi stesse, volerci bene è invece essenziale per una buona qualità della nostra vita ma talvolta pare che non ci badiamo, attente a vivere al di fuori di noi.

Autunno è il tempo di passaggio tra la massima espansione dell’estate e la profondità fredda dell’inverno, quando nuovi semi penetrano nella terra per germogliare in primavera. Le vacanze sono da tempo ormai alle spalle anche se quest’anno un giorno é estate e quello dopo inverno,  il corpo tonificato dalla vita estiva o finalmente riposato, fatica ora a riprendere il ritmo usuale e risponde a questa gabbia intermittente perdendo la luce dell’estate ma non riuscendo ancora ad abbracciare quella dell’inverno.  La mente, costretta a ritornare alla concentrazione dovuta, scalpita un po’ e le emozioni riportano continuamente al “come- era- bello –lì”.

L’anima tutta pare non esserci ancora, forse restata su uno scoglio guardare l’acqua che luccica o in cima ad una montagna a giocare con le nuvole.

Ecco, in questo quadro in cui magari possiamo ritrovarci, può capitare di entrare in conflitto con noi stesse, di non piacerci più, di volerci meno bene. Come se ci si accettasse soltanto ad alcune condizioni, e solo a quelle: mi vado bene se mi diverto, se posso stare con me stessa nel migliore dei modi, oppure mi piaccio solo se sto lavorando al massimo del mio rendimento, se ho successo, se ho il consenso sociale e via dicendo.

Stare bene con noi stesse, volerci bene è invece essenziale per una buona qualità della nostra vita ma talvolta pare che non ci badiamo, attente a vivere al di fuori di noi, nel nostro personaggio, con le nostre maschere appiccicate sul naso, pronte ad essere cambiate se non piacciono, se non attraggono, se non soddisfano..gli altri! Oppure ci dimentichiamo di noi perché ci hanno insegnato che prima di tutto dobbiamo volere bene agli altri, poi, caso mai, se avanza qualcosa, possiamo badare anche a noi stesse

C’é una canzone del grande Franco Battiato, La Cura,  che ha avuto diverse interpretazioni ma a me piace pensare che quelle parole stupende siano rivolte proprio a se stesso e che la cura di cui il grande cantautore parla sia quella per se stessi. Perché ciascuno di noi é per se stesso, ed é bene che sia,  “un essere speciale”.

“Ama il prossimo tuo”, ha detto un tempo un grande uomo, ma ha anche aggiunto “come te stesso”. Pare che poi questa seconda parte del suo insegnamento sia stato censurato dal nostro Super Io…

Oppure crediamo, magari ai livelli inconsci, di non meritare nessun bene per noi e quindi, non trovandolo in noi stesse, ci aggrappiamo alla dipendenza, credendo di potere trovare lì quell’amore che non sappiamo di possedere: e ha inizio così la lunga e dolorosa storia del “non posso fare a meno di te, dell’alcool, del fumo, della droga, del sesso, del lavoro..” Naturalmente, senza gioia e godimento ma soltanto con la paura di perdere tutto questo. Insomma, senza amore veramente.

Ecco perché è importante volere bene a noi stesse prima di tutto. E poi ciascuno di noi sa quanto sia penoso stare accanto ad una persona che non ci piace, magari anche solo per un viaggio in ascensore: ma dall’ascensore alla fine si scende, dalla nostra pelle una sola volta in questa vita. Quella definitiva. Se non stiamo bene con noi stesse soffriamo di solitudine perché il vero e unico compagno o compagna della nostra vita non ci piace. Il termine solitudine ha un’accezione negativa nel nostro immaginario, mentre nasconde in sé un potenziale ricchissimo e molto positivo: la possibilità di avere finalmente un po’ di tempo per noi . Ma è chiaro che se non ci piacciamo non possiamo desiderare la nostra compagnia ed allora ci aggrappiamo all’agenda telefonica per trovare qualcuno che accetti di passare la serata con noi.  compagniaMa in queste condizioni psicologiche la serata non sarà poi così brillante e forse torneremo a casa con la sensazione di avere scavato un solco ancora più profondo nel nostro vuoto e non con la gioia di ore piene d’amicizia, di contatto e di amore. Chi non si vuole bene crede di non avere nulla da dare ad un altro, se non la sua mancanza di tutto.

Ci si accorge subito di una persona che ha un’ immagine di sé non in equilibrio, cioè che non si piace o si piace troppo ma solo in superficie: anche se ci attrae in un primo momento, ci basta passare qualche minuto con lei per accorgerci che non ci dice più niente. Viceversa, quando siamo di fronte a chi sta bene con se stesso e ha un’immagine di sé in equilibrio, avvertiamo un suo particolare fascino che altro non è che l’amore che ha in sé. Ci piace perché si piace, ma dentro, ai suoi livelli interiori profondi.

Maxwell Maltz, un medico americano, passato da una quarantina d’anni in altre dimensioni, la chiamava Immagine dell’Io. Chirurgo estetico e quindi abituato ad intervenire chirurgicamente su pazienti con gravi lesioni e imperfezioni, si era accorto che alcuni di loro, dopo l’operazione ,si sentivano meglio e ritornavano a comportarsi con scioltezza e sicurezza, sentendosi bene nel nuovo aspetto fisico che l’operazione aveva migliorato. Altri invece continuavano a relazionarsi come se avessero ancora addosso quel difetto fisico, quindi con una postura che ricalcava pari pari quella assunta quando l’imperfezione fisica era ancora addosso. Insomma, percepivano se stessi come se nulla fosse cambiato. Da lì Maltz ha capito che ognuno ha un’immagine di sé, quella che lui ha chiamato appunto Immagine dell’Io, che non dipende da come siamo ma da come vediamo noi stessi. Ed è quell’immagine che noi poi passiamo agli altri nella vita di relazione: se ci vediamo brutti, perdenti, soli, anche gli altri ci percepiranno brutti, perdenti o soli. E inoltre percepiranno quel senso di sgradevolezza che noi abbiamo nei confronti di noi stessi. Non certo l’entusiasmo, l’amore o la gioia, perché noi per primi non li possediamo in quel momento: una bottiglia può forse riempire dei bicchieri con l’acqua se lei stessa è vuota?

Ma cosa vuole dire volere bene a noi stesse? Forse prima di tutto significa entrare finalmente in contatto con i nostri reali bisogni. Permetterci di lasciar andare, almeno nel silenzio segreto della nostra intimità, quelle maschere o quelle corazze che ci siamo tenuti stretti addosso. E questo è un primo passo, perché può sembrare strano ma talvolta non riusciamo nemmeno ad accorgerci che la vita che stiamo conducendo non ci soddisfa per niente. Non si tratta di mandare a monte matrimoni o di fuggire in India, ma di avere il coraggio di portare alla luce quegli aspetti di noi che stanno dormendo, magari da qualche tempo, ma che consideriamo il nostro capitale segreto.

Quante volte abbiamo detto un “mi piacerebbe dipingere, scrivere, cantare, dedicarmi agli altri, fare l’amore con una donna, suonare il pianoforte, studiare il giapponese, entrare in una chiesa , girare vegetariano, fare un corso di yoga ma non ne ho tempo”? Quante volte abbiamo represso i no che avremmo voluto urlare ma che abbiamo trasformato in sì per non fare brutta figura, per non deludere gli altri, per non essere criticati, sgridati, abbandonati? Quante volte abbiamo rinunciato ad ammettere il nostro bisogno di amore, di quell’amore, oppure la nostra rabbia, la nostra paura, la nostra voglia di stare, scappare, ritornare, abbracciare? Quante volte avremmo voluto uscire da uno schema, cambiare gioco, perdonare, schiaffeggiare, cambiare ma non l’abbiamo fatto?

Il contatto con i nostri reali bisogni è il primo passo per volerci bene. Non si tratta di capovolgere il mondo ma, caso mai, di vedere lo stesso mondo da altri punti di vista e di percepire noi stessi nel mondo non come vittime di una vita voluta da chissà chi per noi, ma come guidatori alla guida della nostra automobile, certi di poter decidere, per quanto ci sia possibile, dove e come condurla. Certi di voler sbocciare per quello che veramente siamo e che, magari, abbiamo solo dimenticato di essere.

CONDIVIDI

Profilo Autore

susanna garavaglia

Susanna Garavaglia, da sempre attenta ad una visione Olistica della vita studia e diffonde la trasformazione del futuro, ora anche dal suo B&B nel bosco. Con Dede Riva ha dato vita al Manifesto Progetto Creatività, Via Femminile alla Trasformazione, firmato da esponenti della cultura di tutto il mondo. Ha pubblicato con Tecniche Nuove La Scrittura dell'Anima, Diario di Psicosomatica, L'anima del Successo, 365 Pensieri per l'Anima . Con Stazione Celeste Stavolta sarò Femmina, con ilmiolibro.it Senza radici dove voli? Con Anguana Edizioni insieme a Devana “Sciamane. Storie, canti e risvegli di anziane sedute in cerchio”, con Giovanna Tolio e altri autori “Amicizia (nuova energia di evoluzione)”, Leone Editore.

Lascia un commento


nove − 3 =