Matera accessibile

0

Matera, Citta’ Europea della Cultura 2019, sta muovendo consistenti passi perchè le sue inaccessibili pietre e rocce non lo siano più nel 2019.

Ero già stata a Matera  tempo addietro ed ero arrivata in auto da Bari  percorrendo le verdi valli lucane. Mi ero detta che ci sarei tornata per esplorarla maggiormente e così questa estate, approfittando di un periodo turistico trascorso da quelle parti, ho deciso di ingaggiare  una guida che mi parlasse approfonditamente di quella città assurta alle onori delle cronaca quando è stata nominata Capitale europea  della cultura 2019 insieme alla bulgara Plovdiv.

Il titolo  è stato considerato dai materani un risultato straordinario per una città nota per i suoi  Sassi ed ha  rappresenta una opportunità da cogliere al volo per dare vita a uno slancio davvero innovativo sul piano culturale, e non solo.

Ma cultura significa anche renderla fruibile visitabile da tutti e  fruire della città significa  accedervi, coglierne le opportunità, viverla, in sostanza, oltre che visitarla. Ed è per questo che ho deciso di parlare di Matera ma dalla parte dell’accessibilità: come visitare una città di per sè impervia e sassosa in sedia a rotelle.

Ci siamo muniti di pc e pazienza ed abbiamo trovato un’associazione che si occupa dell’accessibilità della Lucania e di Matera e ci ha indirizzato ad una guida fantastica che ci ha scorrazzati per i sassi, Antonio Rubino.

sasso-barisanoCi siamo incontrati all’ inizio della discesa di via D’addozio, per accedere  al Sasso Barisano.

Balcone panoramico con vista su Sasso barisano e Murgia materana  (a lato la Chiesa di
Sant’Agostino, non accessibile)

 

 

 

Chiesa rupestre di San Pietro Barisano – Accessibile tranne gli ipogei ma tramite uno
schermo multimediale touch screen si possono esplorare virtualmente gli ambienti sotterranei
caretterizzati dalle impressionanti “tombe a scolare”

chiesa-rupestre-di-san

 

 

 

 

 

Devisassi-in-miniaturaazione a destra per raggiungere via Fiorentini dove si può entrare nella bottega artigiana della famiglia Rizzi in cui si può ammirare la straordinaria riproduzione dei Sassi,
i “Sassi in miniatura”.

 

Da via Fiorentini dopo aver ammirato la Torre Metellana, frammento superstite della cinta murara dell’antica Civita si percorre agevolmente la lunga strada Via Madonna delle Virtù lungo la quale si trova l’omonimo complesso rupestre del quale il monastero e la Chiesa in basso potrebbero essere visitati con solo l’aiuto necessario per superare qualche gradino.

sasso caveosoPrima di giungere nel Sasso Caveoso si potrebbe sostare nel vecchio monastero di Santa Lucia alla Civita, dove attualmente è allocato un bar, L’altereno Cafè, con il bagno accessibile e con un balcone panoramico tra i più suggestivi dei Sassi.

Visite-Guidate-Sasso-CaveosoSi raggiunge la piazza di San Pietro Caveoso e da una balconata si può osservare il piccolo grande canyon della Gravina di Matera e in basso il ponte che collega le due rive del sottostante torrente.

 

 

Passando sotto un arco accanto alla chiesa si giunge in Vico Solitario da dove si può ammirare la parte forse più suggestiva del Sasso Caveoso e  dopo aver percorso una comoda rampa si può osservare da più vicino il Casalnuovo che pur sembrando la zona più antica è in realtà l’ultima zona ad essere stata scavata nei Sassi a partire dalla seconda metà del XV secolo da parte di Albanesi, Serbi e Croati.

santa-lucia-alle-malveIn attesa di poter utilizzare la prevista pedana elevatrice che dovrebbe consentire di consentire anche a chi è in carrozzina di raggiungere  il tetto della chiesa rupestre di Santa Lucia alle Malve (un tetto-necropoli perchè a Matera perfino i morti stanno sopra ai vivi!), è necessario tornare indietro per raggiungere nuovamente la piazza San Pietro e di là risalire via Buozzi. La salita ha una pendenza accentuata ma è l’unico modo per tornare nella zona del “Piano”.

la goccia-kingiro azumaSi giunge così in Piazza Pascoli dove c’è un affaccio panoramico mozzafiato sul Sasso Caveoso. Inoltre lì si può ammirare la famosa scultura di Kengiro Azuma, una enorme goccia d’acqua che sottolinea l’importanza del sistema di raccolta delle acque a Matera e il Palazzo Lanfranchi che nato come seminario (nel 1672) è stato anche Liceo classico in cui tra1882 e 1884 ha insegnato latino e greco Giovanni Pascoli.

Percorrendo via Domenico Ridola si possono osservare gli edifici della dorsale barocca, la chiesa di Santa Chiara, il museo Archeologico Domenico Ridola e soprattuto la particolarissima chiesa del Purgatorio Nuovo che colpisce per l’iconografia della parte bassa, piena di teschi e scheletri!
piazza_san_francescoA destra si raggiunge piazza San Francesco con l’omonima chiesa (sono in corso lavori che permetteranno di accedere in ambienti ipogei e in particolar modo nel prestigioso auditorium collocato nel Palazzo del Sedile)
Si raggiunge poi la bella piazza del Sedile che un tempo era la piazza principale della città.
A destra dopo una breve salita si giunge in Piazza Duomo dominata dalla bellissima Cattedrale intitolata a Sant’Eustachio e alla Madonna della Bruna in cui è possibile accedere avvisando il personale addetto all’interno della chiesa.cattedrale-1

 

 

matera da-piazza-vittoeiomateraRidiscendendo via Duomo si imbocca la storica Via delle Beccherie e dopo poche decine di metri si conclude il tour in Piazza Vittorio Veneto, la piazza principale della città  da dove ci si può affacciare dal Belvedere Guerricchio per ammirarare dall’alto il Sasso Barisano.

A poche decine di metri dalla Piazza Vittorio Veneto si può agevolmente raggiungere
Piazza San Giovanni Battista dove si trova l’omonima e bellissima chiesa, un vero gioiello
accessibile per le carrozzine che non superino le dimensioni standard.

san-giovanni-battista

 

 

 

 

LINKS

Chiesa rupestre di San Pietro Barisano
NB Gli ipogei risultano inaccessibili
http://www.oltrelartematera.it/ita/web/item.asp?nav=6

Sassi in miniatura
http://www.materasassiinminiatura.it/

Casa grotta di via Fiorentini  (pochi gradini)
http://www.anticamatera.it/sito/am.html

Chiesa rupestre di Madonna delle Virtù e monastero  (pochi gradini)
NB La chiesa di San Nicola dei Greci nella parte superiore del complesso risulta inaccessibile per via di una scalinata
http://www.caveheritage.it/

Foto di Antonio Rubino   sul suo profilo https://www.facebook.com/profile.php?id=100020423438645
instagram:   amamatera
oppure facebook  Ama Matera

slide show

matera accessibile san-giovanni-battista matera matera da-piazza-vittoeio cattedrale-1 piazza_san_francesco la goccia-kingiro azuma santa-lucia-alle-malve Visite-Guidate-Sasso-Caveoso sasso caveoso pizzeria oimari Matera-Casa-grotta chiesa-rupestre sassi-in-miniatura chiesa-rupestre-di-san balcone su sasso baresano slide show

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Redattrice ed esperta di marketing e PR; proprietaria di www.dols.net di cui è direttore editoriale e general manger nonché di questo nuovo dols.it. Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


due + = 6