La mia vita come un romanzo – XXXVIII

0

margherita520di Caterina Della Torre

precedente

leggi dall’inizio

Carlotta si era lasciata andare al suono della musica ed alla dolcezza del passo imposto dalla guida di Fabio. Si era appoggiata sula sua spalla e sentiva l’odore de lprofumo che proveniva dal collo di lui. Erano vicini, così vicini che mancava veramente poco a baciarlo. Resistette ad appoggiare le labbra su quel collo nervoso ma invitante. Sentiva la sua mano accarezzarle il fianco come per sbaglio, quasi senza secondi fini. Non c’era in quella carezza ardore passionale, ma solo tanta tenerezza. Finita la danza stava pe allontanarsi dal torace prestante di lui quando sentì’ scivolare un bacio tra i capelli e poi nulla più.

Si domandò cos’era cambiato dagli amplessi arditi che aveva avuto con i suoi ex ragazzi amanti. E’ come se ne avesse perso memoria ma adesso all’improvviso tutto ritornasse va più chiaro che mai.

Staccatasi dal compagno di danza, lo guadò negli occhi ed intravvide uno sguardo strano che non riuscì definire.

La sua incertezza venne però subito sqarciata dalla domanda di lui: ”Vuoi restare qui stanotte? Ti riaccompagno io domattina. Oppure se vuoi  resta qui per una bagno nella grande piscina.”

Carlotta si domandò ”Come così, a bruciapelo’?” Presa in contropiede non sapeva cosa rispondere, ma la musica riprese con una salsa.
‘’Torniamo a sederci ?’’ disse Fabio

Arrivata al tavolo avrebbe dovuto decidere. Era tanto tempo che non stava con un’uomo perchè aveva paura che la sa invalidità lo potesse allontanare, ma Fabio sapeva e nonostante tutto glielo aveva chiesto

Non aspettò di giunere ala sedia e lo tirò per il braccio’ ”Sì, resto’

Fabio allargò le braccia e la copr’’ come una cosa cara da proteggere.

”Finiamo il drink e se vuoi andiamo in spiaggia? Tieniti al mio braccio che ti porto io. Non puoi mancare di vedere la luna splende sul mare, è uno spettacolo emozionante e molto bello. In città non ci capiterà  facilmente. La luna sembra grandissima e i riflessi che si creano sulla superficie sembrano pagliuzze dorata pronte per essere afferrate”

Così dicendo l’accompagno verso il mare

continua

 

 

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Redattrice ed esperta di marketing e PR; proprietaria di www.dols.net di cui è direttore editoriale e general manger nonché di questo nuovo dols.it. Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


− tre = 6