Nobel per la Chimica 2020 a due scienziate

0

Nobel per la Chimica 2020 a Jennifer Lounda e a Emmanuelle Charpentier inventrici di CRISPR

Nobel per la Chimica 2020 a Jennifer Lounda (1964) e Emmanuelle Charpentier(1968) inventrici di CRISPR, la tecnica rivoluzionaria che permette di tagliare pezzi di Dna e sostituirne un pezzo con uno nuovo.
Chimica e accademica statunitense, Jennifer Lounda è nata a Washington nel 1964, ma è cresciuta nelle Hawai. Insegna Chimica Molecolare presso il Dipartimento di Chimica e Ingegneria Chimica dell’Università della California a Berkeley. La scoperta di CRISPR è frutto della sua collaborazione con la microbiologa Emmanuelle Charpentier nata nel 1968 in provincia di Parigi. Laureata all’Università Pierre e Marie Curie di Parigi e dottorata all’Istituto Pasteur nel 1996, dopo importanti esperienze di ricerca negli USA, nel 2009 è stata nominata docente associato all’Università di Umeå, dove è stata nominata a capo di un gruppo di ricerca che collaborava con quello di Jennifer Doudna

Grazie a un semplice progetto di ricerca, il cui obiettivo era scoprire come i batteri combattono le infezioni virali, è stato scoperto che una proteina, chiamata CRISPR-Cas9, è capace di difendere le cellule: di cercare, tagliare e infine degradare il DNA virale in modo ben preciso. La sua funzione è stata utilizzata dalle due ricercatrici come fosse una tecnologia di ingegneria genetica – un modo per cancellare o inserire specifici frammenti di DNA nelle cellule con una precisione incredibile – che offrirà l’opportunità di fare delle cose impossibili in passato.
CRISPR è divenuto quindi un potente strumento di “editing genomico” che permetterà agli scienziati di curare molte mattie genetiche attraverso cambiamenti del DNA delle cellule.
Nel 2018 lo scienziato cinese He Jiankui l’avrebbe utilizzata per cambiare i geni di embrioni umani di due gemelline che (avendo il padre siero positivo) sarebbero state immunizzate dal virus HIV, dai virus delle epatiti e di altre malattie infettive. Dopo l’annuncio della nascita delle gemelle con i genomi modificati, le questioni etiche e sociali che la comunità scientifica si trova ad affrontare si sono fatte più intricate perché presentano varie e complesse questioni che dovranno essere discusse e regolamentate al più presto.

Sale ora a sette il numero delle Nobel per la Chimica: Maria Skodlowska – Curie (1903), sua figlia Irène Curie – Joliot(1935), Dorothy Crowfoot – Hogkins(1964), Ada Yonah (2009), Frances Hamilton – Arnold (2018).
“I confini sono fatti per essere attraversati” scriveva Evelyn Fox Keller nel 1996 e le donne lo hanno dimostrato molto bene.
Per saperne di più sulle Nobeldonne della scienza: Sara Sesti e Liliana Moro, “Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie”, pag. 250, 16 €, Ledizioni, Milano 2020. Anche in versione e-book

CONDIVIDI

Profilo Autore

Sara Sesti

Insegnante di Matematica fa parte dell’Associazione Donne e Scienza. E’ responsabile per il ”Centro di Diffusione della Cultura Scientifica e Tecnologica” dell’Università di Milano della rassegna di film e documentari scientifici “Vedere la Scienza- Sguardi sulle Donne di scienza”. Ha curato, per il Centro di Ricerca PRISTEM dell’Università Bocconi, la mostra ”Scienziate d’Occidente. Due secoli di storia”. Ha pubblicato con Liliana Moro il libro ”Donne di scienza. 50 biografìe dall’antichità al duemila”, PRISTEM-Bocconi, 1999 e “Scienziate nel tempo. 70 biografie”, LUD Milano, ultima edizione 2010. Collabora con la rivista di matematica ”Progetto Alice”. E’ una delle webmaster del sito www.universitadelledonne.it.

Lascia un commento


otto − 7 =