La mia vita come un romanzo XV puntata

0

di Caterina Della Torre

precedente                                                                  
leggi dall’inizio

Mentre era seduta ad attendere i suoi amici sul torrente che si agitava sempre più impetuosamente sotto li lei, Carlotta ricordava con nostalgia la notte che aveva trascorso con il musicista viennese tanti anni prima.

Karl, si chiamava Karl, nome non facile da dimenticare. Ma di lui non aveva scordato nulla. La sua abitazione provvisoria (un appartamentino sui Navigli) lasciatogli da un suo caro amico in quel periodo provvidenzialmente in trasferta, le scale ripide e buie per arrivare alla mansardina dove abitava. E il cielo sopra Milano che poteva scorgere dalla finestrella che dava sui tetti. Il cielo stranamente e straordinariamente stellato di quella notte. Buon auspicio per il tempo che avrebbero trascorso insieme.

Karla parlava poco, anche se il suo era un buon inglese, ma probabilmente nella sua testa e nelle orecchie ”girava” la musica che suonava e componeva. Ed il suo mondo era corredato da una continua ”compilation” sonora.

Ricordava che entrati nel minuscolo appartamento, l’amico le aveva offerto una tazza di caffè lungo, che lei aveva appena assaggiato e poi lasciato lì. Forse per disinteresse per una bevanda calda che assomigliava più ad una brodaglia o forse perchè emozionata. Era la prima volta nella sua vita che accettava di passare la notte con un semi-sconosciuto. Ma che le piaceva molto.

Rammentava anche la svestizione, lenta e sensuale che entrambi avevano effettuato davanti al letto semidisfatto. Il tentennamento insolito davanti all’approfondimento dell’atto sessuale e la foga immediatamente successiva al momento della presa di coscienza del fatto che erano lì proprio per quello e si desideravano.

La notte passata insieme era rimasta nei suoi ricordi come una delle sensazioni più calde e dolci della sua vita. Le sue mani che l’accarezzavano alla scoperta delle non ricche forme e che la facevano sentire la donna più bella del mondo. Le sue mani che accarezzavano il torace compatto e muscoloso del ragazzo, cercando di ricordarne ogni minima parte.

E poi l’atto copulativo, ammaliante, coinvolgente, indimenticabile di quella notte, con le stelle che occhieggiavano dalla finestrella sopra le loro teste. Quasi a voler dare la loro benevola supervisione.

Aveva dormito poi come una marmotta in letargo, stretta tra le coperte e il bellissimo corpo di Karl.

continua

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


nove − 6 =