Dalla pubblicità all’astrologia con gioia – Alice Pazzi

0

*@Vitadastrologa 1999 – 2019*
*Se non hai altro da fare, guarda te stesso e osserva se non c’è qualcosa a portata di mano che puoi migliorare! Potrebbe portarti del benessere, sebbene sia più facile che ti renda felice.*

Ed eccoci qui alla grande svolta della mia vita, che mi ha richiesto un po’ di tempo ma che ormai dopo vent’anni è ben sedimentata dentro di me…non ne farei mai più a meno. Non farei mai a meno della mia libertà che difenderei fino alla fine con le unghie. Dunque, ti spiego: sono venuta a Milano da Firenze, alla fine degli anni ‘80 per lavorare come senior account in prestigiose agenzie di pubblicità.
A quel tempo non esisteva il tom tom, il navigatore satellitare né il cellulare e viaggiavo con “tutto Milano e Brianza” sulle ginocchia per andare a trovare i clienti che mi avevano affidato. Una fatica mostruosa calcolando che tutti i giorni da Lambrate, prima casa trovata last minute arrivando da Firenze, muovermi al CentroKappa della Kartell a Binasco erano
almeno 70 chilometri all’andata e 70 al ritorno, in mezzo ai lavori dell’allargamento della A1, con code quindi interminabili.
Un viaggio infinito. Giornate lunghissime di lavoro. Giovanissima e forte ho continuato testardamente a prendere confidenza con questa città, Milano e dintorni che amo moltissimo e a cui sono riconoscente per il lavoro che mi ha sempre dato e per gli stimoli umani e relazionali che mi ha regalato.
Gli anni successivi oltre a dedicarmi al lavoro con nuove sfide, mi sono sposata e ho messo al mondo due bellissimi ragazzi, oggi più che ventenni.
E sono stati proprio loro inconsapevolmente a darmi il là per il mio cambiamento di vita. Non sopportavo più la mattina, quando andavo a lavorare, di vederli abbracciati alla baby-sitter che mi salutavano e si preparavano a mille avventure con una dolcissima persona che però non era la loro mamma, il tutto farcito di baci e abbracci che non erano diretti a
me.
ALICE GIUGNO 2017E così mi è presa una forma di abbandono e di gelosia alla Claire Brechter che si concretizzava con la solita domanda: ma come mai gli ho messi al mondo se poi non li godo adesso che sono piccini e mi perdo la loro fantastica età. Ho iniziato a pensare con una forza di volontà straordinaria, cosa avrei potuto fare per tornare a vivere a casa, fare la mamma, continuare a lavorare, cosa che mi è sempre piaciuta e godermi i miei bambini anche con la baby-sitter, che mi avrebbe aiutato per continuare a lavorare, ma sempre pronta io a staccare dal lavoro sia quando se ne fosse presentata la necessità sia quando volevo passare delle ore diurne con loro che non fossero solo quelle del sabato e della domenica.

E un giorno in un negozio della Benetton ebbi la folgorazione. Pensare che ero andata a vedermi tutte le Fiere del business che c’erano in giro, passavo serate a fare brain storming con le mie amiche per inventarci un business. E poi erano tutti progetti molto più grandi di noi e che comportavano 24 ore consecutive di lavoro a testa, un disastro.

Quella mattina entrai appunto nel negozio di Benetton e nell’etichetta della maglietta bianca che avevo scelto c’era scritto: “il conformismo uccide la creatività”! Erano mesi che stavo pensando che la mia vera passione di questa vita è l’Astrologia che tra l’altro avevo studiato con molta passione con astrologhe importanti, competenti e piene di amore anche
loro per questa materia. Ho frequentato seminari, tavole rotonde, e ancora letture astrologiche dotte che abbracciavano quantomeno 5000 anni di storia su questo argomento.
Il fatto di essere figlia di un avvocato e appartenente ad una famiglia borghese fiorentina e quindi non metropolitana, mi metteva in imbarazzo estremo. Ero ancora in un’età in cui il giudizio degli altri era molto presente nella mia vita.
Ma uscita da quel negozio, illuminata di gioia, di determinazione nelle scelte, ambiziosa di dare il meglio di me stessa mi sono messa all’opera già di ritorno dalle ferie. E qui inizia un periodo faticosissimo. I bambini all’epoca, parlo del 1996 avevano 2 anni e Lorenzo, l’ultimo nato, tre mesi. Lorenzo soprattutto mi aveva portato fortuna, con il suo parto avevo partorito ciò che Susanna, la primogenita, mi aveva trasmesso in termini di stimolo di cambiamento di vita.

Tre anni ho lavorato di giorno e di notte al mio progetto, naturalmente con l’aiuto di una baby-sitter speciale che considero ormai a distanza di vent’anni una sorella con cui ho condiviso anch’io buone e cattive esperienze che mi ha aiutato a realizzare il mio sogno.
La mia vita quindi è cambiata nel 1999 quando ho dato la lettera di dimissioni nella società in cui lavoravo da 8 anni e presa la liquidazione ho iniziato il mio nuovo lavoro da casa. Mi sono creata uno spazio ufficio nella mia mansarda e finalmente il sogno di coccolarmi i miei bambini si stava realizzando, andare a scuola a prenderli, oppure quando potevo
portarli io al parco, e ancora prendersi dei giorni di vacanza per andare al mare o in montagna. E tutto questo facendo un lavoro che mi ha sempre appassionato.

 

Sono partita in questa avventura professionale con grande grinta e una mentalità positiva che non mi permetteva di pensare di sbagliare o di fallire. Sono stata aiutata dalla fortuna, certamente, ma anche dalla mia testardaggine, disciplina e soprattutto forza di volontà. Sono passati già vent’anni da quando sono una libera professionista e lavoro da casa, dal mio ufficio e con i miei tempi. I ragazzi sono ormai quasi adulti, la figlia maggiore lavora a Londra e il piccolo è al secondo
anno di università! Se in questi anni non avessi avuto tanto tempo a mia disposizione per dedicarmi a loro anche nei momenti più difficili della loro esistenza, adolescenza compresa, forse il nostro rapporto non sarebbe così intenso e forte come lo è adesso.

Professionalmente parlando ho avuto un successo strepitoso già dall’inizio della mia nuova avventura lavorativa nel 1999. All’epoca, online mancavano
i contenuti e i web content, persone che fornivano contenuti speciali (quindi anche l’oroscopo) ai portali, ai siti erano molto richiesti. Io cheadoravo l’astrologia, ma anche tutto ciò che erano informazioni, materiali e curiosità da proporre nel campo del benessere e della salute olistica, ho iniziato ad essere contattata da grandi aziende online che mi chiedevano
contenuti da editare.
Moltissime anche le consulenze astrologiche che con gli anni sono arrivate numerosissime, che poi è ciò che amo fare di più per aiutare le persone a prendere consapevolezza del periodo che stanno attraversando, per decidere poi che direzione prendere, sempre e solamente per andare incontro alla felicità. Che credetemi prima o poi arriva per tutti! Quindi questo cambiamento di vita è stato per me vitale, mi ha permesso di frequentare scuole per approfondire la mia professione, girare il mondo per
prendere spunti di lavoro quando i ragazzi sono diventati grandi e mi permette, malgrado il lavoro mi assorba tantissimo, la possibilità di muovermi anche per aiutare i parenti e familiari che in questi anni hanno bisogno di me.

Sono sicura che ognuno di noi ha qualcosa che può dare agli altri e delle inclinazioni professionali che potrebbero aiutare tante ma tante persone.
Basta trovarle e riconoscerle attraverso la meditazione, l’osservazione di noi stessi, un consiglio e anche una carta del cielo astrologica.
Puoi solo avere successo, non puoi fallire. Il fallimento è impossibile; è un’illusione. Niente è un fallimento. Niente. Tutto fa avanzare la storia umana, e quindi il processo della nostra  professionale. Tutto ci fa avanzare nel nostro viaggio.
A presto, con gioia e gratitudine
A*strologa, Maestra di Yoga, Maestra di Reiki, Artista di Collage*
Via Giovanni Scheiwiller, 12
MM Brenta – 20139 Milano
cell. 3467866893
Skype AL.PAZZI
Posta in arrivo (192) <https://mail.google.com/mail/u/0/#inbox>
www.alicepazzi.it
Operatore Olistico Trainer – codice attestazione S.I.A.F. n° O943T-OP –
legge 4/2013
S.I.A.F. azienda certificata ISO EN 9001/2008

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


due + 4 =