Una sorsata di salute

0

I centrifugati differiscono dagli estratti per le modalità con cui vengono prodotti, ma hanno in comune il fatto che possono essere degli ottimi elisir di buona salute, ricchi in vitamine e minerali.

centrifugatiSpesso nei bar o nei locali pubblici in cui si fa ristorazione si ha la possibilità di gustare dei deliziosi estratti oppure dei centrifugati.
I centrifugati differiscono dagli estratti per le modalità con cui vengono prodotti, ma hanno in comune il fatto che possono essere degli ottimi elisir di buona salute, ricchi in vitamine e minerali.
Ho parlato di differenze tra le due modalità, in effetti la centrifuga estrae il succo da frutta e verdura con una lama che gira a velocità elevata, tra i 6000 e i 18000 giri, filtrando con una specie di setaccio il contenuto, in modo che le fibre siano eliminate. Rimane un residuo umido , al contrario dell’estratto dove il residuo è più secco , l’estrattore recupera più succo, dopo aver girato a meno di 100 giri.
Sia i centrifugati che gli estratti sono da preferire ai prodotti confezionati, intanto perché possiamo noi deciderne la composizione e poi perché non ci sono conservanti, quindi è indicato bere i succhi subito dopo aver utilizzato l’apparecchio e poi, particolare non da poco, non ci sono zuccheri aggiunti, come invece abbondano nei preparati commerciali.
I centrifugati possono essere consumati anche da chi ha difficoltà a digerire la frutta o la verdura, in particolare se accusa senso di gonfiore dopo aver mangiato questi alimenti, questo perché le fibre insolubili rimangono nell’apparecchio, mentre i principi nutritivi sono tutti lì nel bicchiere, pronti per essere assunti.
E allora via libera con la fantasia, ecco di seguito qualche suggerimento:
fruttaCentrifugato energizzante: 2 gambi di sedano, 2 carote di media grandezza, 1 mela, 3 pezzetti di zenzero fresco. Il sedano è un diuretico naturale, quindi aiuta a eliminare i liquidi in eccesso, ha un buon quantitativo di potassio e di vitamina C, è a bassissimo indice glicemico, quindi utile per chi ha problemi nel controllo della glicemia o vuole aiutare il processo di dimagrimento. Ha la luteolina, un antiossidante che protegge l’attività cerebrale, quindi è indicato anche per chi è sottoposto a una intensa attività mentale, come ad esempio lo studente sotto esame. Il sedano infine aiuta anche le funzioni intestinali, riduce i gas e aiuta a eliminare le scorie. Se consumato con regolarità, il sedano aiuta nella lotta contro il colesterolo e agisce come antinfiammatorio naturale. Le carote fanno bene alla vista, questo lo sanno tutti, infatti contengono la vitamina A , alfa e beta carotene, ma soprattutto la luteina e zeaxantina, che sono il nutrimento per i coni e bastoncelli, presenti nella macula retinica, parte molto preziosa del nostro occhio e della nostra visione. Anche la carota ha una azione diuretica, ma anche purificatrice del sangue e idratante, non solo della pelle ma anche delle mucose. La mucosa dello stomaco, ad esempio , è molto sensibile alla carota, che funziona come un vero e proprio gastroprotettore, altro che farmaci, qui abbiamo a costo contenuto un potente rimedio naturale. La carota riequilibra anche il microbioma intestinale, agendo come prebiotico. Essendo ricca in calcio, sodio, fosforo, potassio, magnesio e zinco, nonché ferro, fluoro , rame e vitamina B, C, K ed E agisce come antiossidante. La mela con le sue alte dosi di vit. B1 combatte le turbe dell’umore, ha pochi zuccheri quindi può essere consumata nelle diete e dai diabetici, , è fonte di minerali come il calcio e il magnesio, ma anche la vitamina C è ben rappresentata. Una ricerca scientifica ha evidenziato come il consumo regolare della mela combatte l’asma, la stitichezza e la diarrea. Insomma la panacea di molti mali. Lo zenzero è un antinfiammatorio naturale e calmante lo stomaco, favorisce la digestione. Protegge anche lui la mucosa gastrica e , per chi ne soffre, aiuta a combattere la gotta perché facilita la eliminazione dell’acido urico.

depurativoCentrifugato depurativo: 1 pera, 1 limone, 3 fette di ananas, una fettina di zucca. Anche la pera ha un basso indice glicemico quindi si può consumare anche se il controllo della glicemia non è ottimale, è ricca in flavonoidi , quindi con la sua azione antiossidante riduce l’infiammazione e può contrastare i batteri, grazie alla quercitina. Il limone è una fonte molto interessante di vitamina C , ha poche calorie ma tanti minerali , in particolare il potassio e calcio, in tracce è presente anche la zeaxantina e la luteina, che , come per le carote, aiutano la vista. L’acido citrico e il pinene hanno una azione antibatterica e diuretica. L’ananas è un potente antinfiammatorio , azione potenziata grazie alla vitamina C qui ben rappresentata. La bromelina , principio contenuto nell’ananas viene utilizzata per un farmaco di sintesi che vanta queste proprietà . Agisce come diuretico e drenante i tessuti, per questo viene consigliato a chi soffre di cellulite. Unico neo, un indice glicemico medio, ma comunque se consumato con giudizio, non pericoloso. Per i centrifugati è importante utilizzare solo il frutto fresco, non quello sciroppato. La zucca è un potente antiossidante, a basso indice glicemico se consumata cruda, molto ricca in potassio ma soprattutto in omega 3, i grassi buoni che hanno una azione contro il colesterolo e i danni da ossidazione. Il magnesio ben rappresentato aiuta il rilassamento muscolare e il sonno, assieme al triptofano contribuisce al buonumore e combatte la fame nervosa. Infine la zucca aiuta l’organismo a sgonfiarsi, per le sue proprietà diuretiche.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Elisabetta Ravera

Elisabetta Ravera medico chirurgo, specialista in nutrizione clinica e dietetica, naturopata. Ha gestito l'unità di supporto nutrizionale all'Istituto Tumori di Milano, successivamente si è dedicata alla ricerca clinica. e attualmente esercita la libera professione nell'ambito dietologico-nutrizionale a Cogoleto, nella Riviera Ligure di Ponente e a Genova. Collabora con la rivista "L'Altra Medicina" e ha un suo sito internet www.nutrizionearmonia.it.

Lascia un commento


nove − 1 =