I colori della salute – i colori caldi

0

A tavola si parla dei cibi gustosi , del loro profumo e della loro dolcezza o sapidità ma poco ci si sofferma sui loro colori. I colori sono molto importanti per differenziare gli alimenti che possono comparire sulle nostre tavole e sono legati alle sostanze contenute al loro interno.

Soffermarsi sui colori può rendere piacevole e gradito consumare e differenziare nei nostri pasti diverse tipologie di alimenti, una alimentazione varia ed equilibrata è alla base della salute di ciascuno di noi.

Chi la fa da padrone sono la frutta e la verdura che popolano ogni stagione con il loro carico di vitamine, minerali e sostanze che proteggono e aiutano il nostro corpo e le funzioni vitali.

Prendiamo ad esempio il colore rosso, questo colore viene conferito ad esempio dal licopene al pomodoro in ogni sua forma, da quello che cresce rigoglioso in estate , grande come il cuore di bue o piccolo come il ciliegino, si può consumare crudo o cotto, come ad esempio sugo o passata, più digeribile e con una biodisponibilità aumentata , da anni gli articoli scientifici sottolineano come sia protettivo nei confronti dei disturbi della prostata e sia un antitumorale naturale, questo carotenoide non è solo appannaggio dei pomodori ma anche ad esempio della anguria e dei pompelmi rosa. Ma il colore rosso è anche dato dalla betaina, utile per la vista, come nelle rape, oppure dalle antocianine , potenti antiossidanti, come per i ribes e lamponi, sempre per la vista è importante la zeaxantina, presente nelle rosse bacche di Goji. E che dire dei peperoni?

limoniSono ricchi in sali minerali quali fosforo, magnesio, potassio, ferro e calcio ma soprattutto contengono una percentuale di vitamina C quattro volte maggiore che negli agrumi , ne bastano solo 50 g. Assieme alla vitamina A, di cui sono molto ricchi hanno una azione contro i radicali liberi , questo permette, secondo gli studi, di prevenire malattie di invecchiamento della pelle, tumori e malattie cardiovascolari. Il potassio e il carotene hanno anche proprietà diuretiche quindi utili alle funzioni urinarie. La percentuale di fibra è buona e questo li fa rientrare tra i cibi utili al controllo del peso visto il senso di sazietà che aumenta con poche calorie assunte per porzione. Un’altra sostanza presente è la capsaicina, presente alla massima potenza nel peperoncino, ricca di proprietà antibatteriche, antidiabetiche, analgesiche e antitumorali.

Il rosso infine si trova in natura nella carne, grazie al contenuto di emoglobina, in chi fa una dieta omnicomprensiva questo ultimo alimento fornisce proteine nobili e mantiene il patrimonio epatico di vitamina B12 intatto.

Cromaticamente vicino al rosso troviamo il colore giallo e arancione. Anche qui i carotenoidi la fanno da padrone, la frutta e la verdura che sfoggiano questo colore sono ricchi in betacarotene. Tutti noi sappiamo che questa sostanza è indispensabile per avere un aiuto in più per la vista, il sistema immunitario, la pelle, le ossa e le articolazioni. Alcuni di voi avranno sentito parlare della cura con i limoni, ad esempio. Questa cura, consigliata nei periodi di cambiamento della stagione, in particolare in primavera, consiste nel bere a digiuno il succo di questo frutto in un numero via via crescente e successivamente decrescente.

Ricordo che non sarebbe da consumare solo il succo, ma tutto il limone, soprattutto se non è stato trattato e quindi è cresciuto al naturale. La buccia infatti contiene ottime fibre e oli essenziali, utili per il detox dell’organismo. E che dire di altri prodotti naturali come ad esempio le carote? Sono ricche in vitamina A e per questo motivo sono sempre state famose e nominate come utili per una vista sana , in effetti contribuisce a proteggere le delicate strutture oculari. I carotenoidi sono presenti anche in zucca, albicocche, arance, la cui quota di vitamina C è un ulteriore plus, meloni e , tra i frutti esotici, la papaya, ma la lista è ancora lunga. Tra gli alimenti proteici vorrei citare l’uovo. Questo alimento è stato troppo demonizzato nel passato e ancora oggi nella credenza popolare è pericoloso perché troppo ricco in colesterolo. Non nego che ne abbia una quota importante, ma è ricco di una sostanza che spesso viene prescritta come integratore per la salute dell’occhio, la zeaxantina, è inoltre ricco in vitamine del gruppo A, B, D. Contiene colina, cibo per le cellule cerebrali. La colina è indispensabile per il corretto metabolismo dei grassi ed è la componente dell’acetilcolina, un neurotrasmettitore. La colina riduce l’assorbimento del colesterolo e protegge il fegato dall’accumulo dei grassi. L’uovo contiene anche minerali come ferro, fosforo, calcio e selenio, infine la contiene anche la betaina che riduce l’omocisteinemia, responsabile delle malattie cardiocircolatorie e cronico-degenerative

CONDIVIDI

Profilo Autore

Elisabetta Ravera

Elisabetta Ravera medico chirurgo, specialista in nutrizione clinica e dietetica, naturopata. Ha gestito l'unità di supporto nutrizionale all'Istituto Tumori di Milano, successivamente si è dedicata alla ricerca clinica. e attualmente esercita la libera professione nell'ambito dietologico-nutrizionale a Cogoleto, nella Riviera Ligure di Ponente e a Genova. Collabora con la rivista "L'Altra Medicina" e ha un suo sito internet www.nutrizionearmonia.it.

Lascia un commento


+ 7 = quindici