Mirtillo, un piccolo frutto con grandi qualità

0

Questa pianta è dotata di tantissime proprietà benefiche che possiamo differenziare a  seconda della specie e del colore del mirtillo.

La pianta del mirtillo si presenta come un arbusto piccolo con frutti tondeggianti dai colori scuro  o rosso.

In generale i mirtilli sono gustosi , lievemente asprigni , ricchi in vitamine, in particolare la vitamina C, poco calorici.

mirtillorosaIl mirtillo nero o Vaccinium Myrtillus grazie alla sua ricca composizione in vitamina A, C , B e in glucosidi antocianici , ha la caratteristica di proteggere i capillari , i piccoli vasi fitti come una rete che spesso , soprattutto d’estate , si dilatano e danno dei fastidiosi problemi, come un gonfiore nei punti più periferici, ad esempio le caviglie. Grazie al mirtillo nero i capillari vengono protetti, è indicato anche in chi, come i diabetici, hanno problemi di microcircolazione a livello della retina. E’ proprio la mirtillina che protegge il collagene e i tessuti elastici dei capillari, ma anche aiuta la rigenerazione del pigmento della retina; la rodopsina è invece necessaria per la visione in condizioni di scarsa illuminazione. Il mirtillo nero è un potente anti-ossidante e quindi inibisce la formazione dei radicali liberi, che vengono prodotti all’interno dell’organismo, ma la cui produzione è anche indotta da agenti nocivi che provengono dall’esterno, come stress e inquinamento o assunzione di sostanze potenzialmente tossiche, farmaci inclusi. Il mirtillo nero è  un protettore delle mucose, i rivestimenti degli organi interni, quindi per chi soffre di problemi digestivi fino ad arrivare alle ulcerazione della mucosa gastrica, il Vaccinium Myrtillum è un potente alleato, anche nelle diarree il mirtillo nero agisce come astringente , molto indicato in chi vuole curarsi in modo naturale e dolce.

Fino a qui ho parlato dei frutti, ma anche le foglie del mirtillo nero esplicano le loro azioni curative: oltre ad avere una azione astringente e anti-diarroica, hanno anche una attività riducente la glicemia, quindi in chi ha un lieve dismetabolismo un trattamento con il mirtillo nero può sicuramente aiutare.

Il mirtillo nero si trova come succo concentrato, da assumere un cucchiaio al mattino a digiuno per aiutare la microcircolazione, attenzione a consumare  i succhi senza zucchero, meglio sarebbe centrifugare il mirtillo fresco, ma comunque è possibile trovare questo nettare nei negozi specializzati bio o nelle erboristerie. Altri prepararti di mirtillo nero sono nell’estratto secco in capsule, da assumere lontano dai pasti, la tintura madre in gocce, 40 gocce due volte al giorno oppure come decotto o tisana.

mirtillo rossoAltra varietà di mirtillo è quello rosso, indubbiamente gradevole come marmellata o salsa che accompagna pietanze salate, ma ricco in sostanze disinfettanti che lo rendono utile nel trattamento dolce di processi infiammatorio-infettivo come le cistiti o anche le diarree batteriche. Il vaccinium vitis idaea è anche un toccasana in corso della  menopausa perché ha una forte azione estrogenica, quindi combatte i sintomi fastidiosi come le vampate e la secchezza delle mucose. Il mirtillo rosso si trova come estratto secco in capsule o in gocce.

Il mirtillo blu è forse la specie di mirtillo più conosciuta e consumata fresca alle nostre latitudini, ha un sapore acidulo anche se dolce, molto usato in preparazioni alimentari dolci, come i muffin americani . Ha molte delle proprietà delle due specie già analizzate, se consumato fresco aiuta a mantenere un buono stato di salute in modo naturale.

Il mirtillo in generale non è controindicato nelle donne in stato di gravidanza né nei bambini, ed è particolarmente indicato per gli anziani, soprattutto si è visto come il consumo quotidiano di 2 bicchieri di succo  abbia una attività di protezione della funzione mentale, potenzi la memoria e aiuti anche a irrobustire le oss fragili.

Del mirtillo non si butta via niente, anche dal punto di vista estetico, viste le sue caratteristiche anti-ossidanti,  è un ottimo complemento in creme che rigenerano il collagene e combattono la formazione delle antiestetiche cuperose. Un rimedio casalingo è una maschera con  mirtilli freschi schiacciati e lasciati in posa per 15-20 min

CONDIVIDI

Profilo Autore

Elisabetta Ravera

Elisabetta Ravera medico chirurgo, specialista in nutrizione clinica e dietetica, naturopata. Ha gestito l'unità di supporto nutrizionale all'Istituto Tumori di Milano, successivamente si è dedicata alla ricerca clinica. e attualmente esercita la libera professione nell'ambito dietologico-nutrizionale a Cogoleto, nella Riviera Ligure di Ponente e a Genova. Collabora con la rivista "L'Altra Medicina" e ha un suo sito internet www.nutrizionearmonia.it.

Lascia un commento


+ cinque = 9