Cuccioli di volatili – scarti di lavorazione

0

Non esseri viventi, non cuccioli di volatili, ma scarti di lavorazione

di Marina Clara Borghetti

Prodotti di una catena che riconosce solo il business, il guadagno, costi quel che costi. Questo caso è balzato alla cronaca perchè la soppressione dei pulcini è avvenuta per schiacciamento, mentre normalmente vengon gettati vivi in un tritacarne.
Anche questo è spreco alimentare.
“Azienda in provincia di Brescia. Enormi sacchi pieni di pulcini, “scarti di produzione”:
Gli operai salgono sui sacchi e iniziano a pigiare i cuccioli appena nati con gli stivali, per eliminare senza troppi costi gli “scarti”. I più gracili, i più piccoli, quelli che non sarebbero diventati degli “appetibili polli da carne”.
Le ispezioni che hanno scoperto i fatti risalgono alla scorsa estate, ma la notizia è stata diffusa solo nei giorni scorsi.
Solo in Italia, ogni anno, vengono uccisi circa 30 milioni di pulcini maschi solo dall’ industria delle uova (si tratta di una razza differente da quella allevata per la carne e per il mercato sono “inutilizzabili”).
Biologico, allevato a terra o in gabbia, la sorte dei piccoli “scarti” è sempre quella.”

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− tre = 4