Raquel Welch ultimo sogno

0

di Daniela Tuscano

Di Raquel Welch, scomparsa a 82 anni il 15 febbraio 2023, sapevo pochissimo. Quanto bastava. Che era bella e festosa, donna totale, più erede di Mae West o Rita Hayworth che antenata di Shakira. Anche se si denudava, c’era qualcosa di pudico nel suo corpo, nel suo sorriso eburneo e meticcio. Qualcosa che l’accomunava alle tele rinascimentali, alle allegorie di Giacomo Serpotta, e, in fondo, alla famiglia.

Mentre lei spopolava con pellicole destinate a rimanere nell’immaginario collettivo benché non sempre memorabili (“Un milione di anni fa”, il bikini in pelle!), io trascorrevo la mia estate calda ad Arenzano in famiglia, con mio padre che si divertiva leggendo “Piccolissimo” del mitico Antonio Amurri: piccolissima, gustosa saga familiare grazie alla quale conobbi per la prima volta il nome di Raquel.

Il protagonista, papà Antonio medesimo, trovava “inquietante” l’apprezzamento verbale tributato all’attrice dai numerosi figli (allora i figli erano numerosi, in Italia): “Raquel è fichissima!”.Raquel, bastava il nome. Ma come lo pronunciava Manuel Fantoni, nessuno. Nel monologo di “Borotalco” la descriveva tutta: seni-borracce, capezzoli-chiodi, “belli, rosa, da attaccarci un quadro”. Alla faccia delle arditezze futuriste. Pronunciato con un’enfasi così vellutata che, lo capivi, gli bastava il sogno, e Manuel, un po’ playboy e molto bambino, di sognare era capace.

Oggi, a forza di voler vedere tutto, il nostro occhio è diventato satollo: e cieco.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttrice editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


+ sette = 13