LA NOTTE DI LAILA

0

di Daniela Tuscano

È morta come Luana D’Orazio, stritolata da una #fustellatrice e forse nemmeno lei, come Luana, ha avuto il tempo di gridare. Si è ritrovata di colpo in quella notte che portava nel nome, e persino nel luogo dove lavorava: Camposanto, una tetra premonizione.

Facile dire che la morte viaggia assieme a te, da sempre. Ma Laila El Harim non aveva un destino segnato. Era qui per sfuggirgli e se lo è ritrovato davanti, inesorabile, perché è stata tradita. Nella sua dignità di donna, operaia e madre. La notte di Laila si doveva evitare, nella Repubblica democratica fondata sul lavoro che i lavoratori e le lavoratrici li affonda, e si crede civile. Una figlia ora invoca quella notte, e non basterà un padre solo, e non chiamatela disgrazia.

luciana d'orazio

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


2 + due =