La mia vita come un romanzo IV

0

di Caterina Della Torre

precedente  

leggi dall’inizio

Era tornata a Mosca molte volte successivamente alla ”perestrojka”, scoprendola sempre più bella e forse più affascinante, ma non aveva ritrovato antichi odori, le passate gioie e curiosità, la fremente energia. Solo un mondo occidentale che avanzava in una società ancora in preda alle nomenclature. Stavolta dei ricchi. Che poi come fossero diventati ricchi non si sapeva.

Delle successive visite ne ricordava nitidamente però una…
Aveva condotto il suo capo all‘hotel UKraina, ricordandolo come una sistemazione prestigiosa. La posizione era ottimale: a strapiombo su un’ansa del fiume Moscova. L’aveva scelta appositamente? Non se lo ricordava, ma non aveva però ben chiaro in mente che quell’albergo, un tempo fastoso per gli standard sovietici, era ormai diventato un alloggio per coloro che non si potevano permettere alberghi alla moda occidentale, più belli, con più servizi, più di tutto.

Aveva dormito con le finestre aperte perchè non c’era l’aria condizionata ed a giugno a Mosca può fare caldo. Le finestre senza tapparelle, rifrangevano le luci ed i rumori della città. Del fiume, nessuna traccia. E dire che era per quello che lo aveva scelto

La città era cambiata anche per quello che riguardava la sicurezza. In molti l’avevano preavvertita. Quindi massima attenzione alle borse a agli oggetti da non lasciare mai incustoditi.

Con tristezza pensò alla sua vecchia città. Ricordava ancora però l’incontro stravagante che aveva fatto nel tunnel che da una fermata della metropolitana portava all’altra. Un ragazzo sui 30 anni, biondo, occhi azzurri, zigomi morbidi e colorito rosaceo. Ben vestito. Giacca firmata come tutto quello che aveva addosso, dalla camicia alle scarpe.

Aveva colpito la sua attenzione perché le ricordava qualcuno. Non riusciva a capire però chi.
Lo aveva squadrato a lungo, da dietro gli occhiali da sole, ma non arrivava a ricordare. All’improvviso un lampo le attraversò la mente. Sì, lui, quello della Piazza Rossa. Ma chissà quanti gli somigliavano, si disse.

La cosa strana è che anche lui si fermò ed avvicinò apostrofandola in inglese. Lei rispose in russo e il dialogo partì. Era un moscovita purosangue. Non studiava o lavorava stabilmente e tirava a campare con traffici vari. Più o meno illeciti. L’abbigliamento veniva da una sua ”fornitrice” italiana. Infatti sapeva alcune parole in italiano, ma non andava oltre le semplici formalità.

Carlotta si chese se anche lei non fosse stata ”catturata” per diventare ”fornitrice”. Ma risolse brevemente il problema non lasciandogli recapiti e decidendo di non andare all’appuntamento propostole. Tuttavia…

continua

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


− tre = 1