Asteroid City

0


Asteroid City è un film scritto e diretto da Wes Anderson, 54anni, da  una storia di Anderson e Roman Coppola.

di Adriana Moltedo

Il regista racconta le reazioni di una cittadina americana del 1955 sorpresa dall’arrivo di un alieno.

Questo è un film di fantescienza, un musical alla Jhon Travolta,è un western perché Wes il 1° maggio è nato in Texas a Huston ed è ispirato dal suo mondo e da quei colori anche se  voleva girare Asteroid City a Cinecittà: il parco dell’Appia Antica gli sembrava perfetto per simulare il “great American desert”, il desertico Sud-Ovest degli Usa che è il vero protagonista del film. 

Alla fine l’ha girato in Spagna, in piena emergenza Covid, tra agosto e ottobre 2021.

Tutto si svolge in una città immaginaria nel deserto, che guarda all’ Area 51 e a quella di Los Alamos dove Robert Oppenheimer creò la rivoluzione del nucleare.

E’ una commedia esilarante tra il grottesco e il ridicolo dove ci si ammazza dalle risate, è una tragicommedia che si rifà a West Side Story, è un giallo in B/N e colori pastello  con cui il regista segna la differenziazione tra ciò che esiste dentro il racconto e ciò che esiste fuori.  

E le donne viste da Wes? Tragiche, belle ma tragiche o passate a miglior vita.

Pur tuttavia Anderson affronta temi seri con sensibilità e fantasia.

Gli attori lo chiamano Wes-World per quel suo mondo fantastico fatto di paesaggi grandiosi e dettagli particolari.

Fa CINEMA.

Ma siccome è già stato detto tutto, Wes Anderson, come Borges nella letteratura, è una Torre di Babele del cinema. E lo sintetizza in un suo cinema personale.

L’incontro ravvicinato con un alieno, sarà il pretesto per Conrad, voce narrante, per portare scompiglio nelle vite dei presenti ed in quel piccolo pezzo di deserto. 

Nella piccola cittadina troveremo tutta una serie di personaggi, come il manager del motel (Steve Carell), la diva Midge Campbell (Scarlett Johansson), il Generale Gibson (Jeffrey Wright) e la Dott.ssa Hickenlooper (Tilda Swinton).

Come in tutti i suoi film Anderson gira con un numero consistente di grandi attori e bambini spesso ultra intelligenti che tengono in scacco adulti sprovveduti. 

Wes crede nei bambini.

Un cast corale che include Jason Schwartzman, Scarlett Johansson, Tom Hanks, Jeffrey Wright, Tilda Swinton, Bryan Cranston, Edward Norton, Adrien Brody, Liev Schreiber, Hope Davis, Steve Park, Rupert Friend, Maya Hawke, Steve Carell, Matt Dillon, Hong Chau, Willem Dafoe, Margot Robbie, Tony Revolori, Jake Ryan e Jeff Goldblum.

Asteroid City è  un racconto nel racconto, con dialoghi super attivi e pittoreschi dove domina l’idealizzazione dell’America, quella alle prese con la Guerra Fredda, misteriosi incontri con intelligenze extraterrestri, nonché il piglio autorevole della Beat Generation che rivoluzionò teatro, cinema e narrativa americane.

Nel film, Asteroid City è il titolo di un’opera teatrale, ideata, come ci spiega Bryan Cranston in veste di annunciatore, dallo scrittore Conrad Earp (Edward Norton).

Con le sue atmosfere retrò, i colori pastello Anderson ci avvolge come in un sogno.

La colonna sonora di Asteroid City, è stata composta dal premio Oscar Alexandre Desplat e il film si conclude con tutti che ballano e cantano Can’t Wake Up If You Don’t Fall Asleep scritta con Richard Hawley ed eseguita da Jarvis Cocker e Dear Alien.

Se non dormi non ti puoi svegliare.

moltedo-film

Adriana Moltedo

Giornalista, esperta di Comunicazione politico-istituzionale per le Pari Opportunità, esperta di cinematografia con studi al CSC Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Curatrice editoriale.

Articoli correlati:


.


CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttrice editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


cinque − = 3