Pistoletto e la cittadellarte

0

Quando si parla di Michelangelo  Pistoletto, tutti pensano all’enorme e  tanto discussa mela ‘‘La mela reintegrata”  da lui ideata e posizionata  alla Stazione Centrale di Milano. Invece Pistoletto è molto altro. Sua la città dell’ arte da lui stesso fondata a Biella, rilevando un enorme opificio in disuso e da lui stesso rinvigorito.

mela-reintegrataNel 1991 si trovava  a Biella per l’inaugurazione di una mostra di sue opere e vede una fabbricato bianco, un opificio dismesso, e decide di comprarlo per dare un luogo a quello che alcuni consideravano “non luogo”, cioè Utopia. Dare luogo a un’utopia significa negarla, e affermare invece un Progetto. L’ex Lanificio Trombetta diviene sede dell’Associazione per una Fondazione Pistoletto.

Dal 1991 ad oggi ne è passato di tempo e dopo il  lungo restauro ne  viene  realizzata da Cittadellarte con una  dalla rete internazionale di collaborazioni. Da allora Fondazione Pistoletto celebra nuovi artisti e nuove opere attraverso un rassegna annuale. Dando vita ad una vita intensa del borgo. Con l‘arte al centro rassegna di mostre, incontri e seminari che raccontano pratiche artistiche di trasformazione dei contesti sociali in cui si sviluppano, realizzate da Cittadellarte e dalla rete internazionale di collaborazioni. Da allora Fondazione Pistoletto celebra nuovi artisti e nuove opere attraverso un rassegna annuale.

Esiste un progetto artistico ”Progetto arte’  che si fonda sull’idea che l’arte è l’espressione più sensibile ed integrale del pensiero ed è tempo che  l’artista   prenda   su   di   sé   la  responsabilità   di   porre   in   comunicazione   ogni  altra   attività   umana,dall’economia alla politica, dalla scienza alla religione, dall’educazione al comportamento, in breve tutte leistanze del tessuto sociale.”

2009 Si inaugura l’officina operativa del progetto Cittadellarte Fashion – Bio Ethical Sustainable Trend, un’officina operativa che si dedica allo sviluppo della sostenibilità bio-etica nell’ambito del settore tessile. Nasce dalla contaminazione fra l’arte che si assume una responsabilità sociale e quel mondo della moda che cerca un nuovo modello di sviluppo etico e sostenibile.Nel 2012 Viene avviato il progetto Rebirth Day, prima giornata universale della rinascita per celebrare il Terzo Paradiso.

Nel 2014 All’interno degli spazi di Cittadellarte, a cura di Armona Pistoletto, è stato attivato un Coworking, luogo per creativi e professionisti, dove le competenze di ognuno si completano a vicenda.

2014 Cittadellarte apre le porte per ospitare per la prima volta la Giornata dell’Arte, organizzata dai giovani studenti della consulta degli istituti superiori di Biella.

2014 Dall’ufficio nutrimento di Cittadellarte (Armona Pistoletto) nasce l’associazione Let Eat Bi – Il Terzo Paradiso in Terra Biellese, con l’obiettivo di aggregare, promuovere e contribuire a organizzare risorse e attività operanti sul territorio biellese, in particolare nel settore agroalimentare.

Nel 2015 nascita B.E.S.T. Studios, un nuovo laboratorio di progettazione, sviluppo, produzione, distribuzione di idee e prodotti nell’ambito tessile e fashion design.

Infine ne 2017 Nasce il Journal di Cittadellarte, primo giornale web della Fondazione. Il Journal si rivolge a chi vuole informarsi sulle attività, i progetti e le “visioni” di Cittadellarte. Il giornale prende il nome da una storica pubblicazione cartacea che per molti anni ha accompagnato le attività di Cittadellarte.

Foto e immagini sulla visita alla città dell’ Arte di Pistoletto.

 

 

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


cinque − 4 =