La poesia ai tempi della chat

3

Il sentimento non è che l’afrodisiaco che fa da ponte tra la mente e il corpo!

La poesia coi tempi che corrono è difficile da raggiungere, ma ci sono tanti scrittori che la praticano. Una di questi è Costanza Bondi. Perugina, sposata con due figli ormai grandicelli ed un marito dentista, laureatasi in scienze politiche a cui frapponeva il suo lavoro da copywriter – la figura che all’interno dell’agenzia di pubblicità si occupa della stesura dei testi, creativi o compilativi -suo malgrado:  il padre voleva che si laureasse. Perciò Costanza aveva scelto tra le facoltà più brevi.

Pentita?
Col solito e famoso senno di poi… ringrazio ancora quel giorno e quella scelta perchè è la facoltà che più mi rappresenta e che ha arricchito le mie conoscenze: come dire… un evento sincronico, uno dei tanti che hanno segnato la mia vita!

La poesia, cosa vuol dire per te? E la poesia d’amore?
Poesia è tutto, per me, poesia è vita, poesia è un sorriso, poesia è un tramonto: tutto sta con quale stato d’animo ti poni di fronte alle cose. Nello specifico, poesia è l’arte di trasformare al ritmo delle parole, i suoni dei sentimenti tutti. basti ricordare che la poesia, come tradizione orale, nasce ancor prima della scrittura
La poesia d’amore rientra nel concetto che dicevo prima: è una forma di espressione che si libera da schemi precostituiti perchè se è vero che l’amore è un concetto universale, ognuno poi lo racconta come meglio crede.

Nel libro ”Passione latina, alchimia di una poesia”, da te curato, si dice che ogni relazione ha la propria catarsi nella parole. Credi davvero che l’amore debba essere espresso? O è un sentimeto intrascrivibile e soprattutto che non ha bisogno di parole?
L’amore debba o non debba essere espresso, comunque viene espresso. mi spiego meglio.
Il concetto di poesia oggi è molto diverso da quello dei modelli letterari perciò non rientra nelle forme usuali della tradizione, ma proprio per questo basta anche una sola parola perchè sia espresso o un gesto. nel nostro caso, sì, è la parola scritta di cui il sentimento ha bisogno perchè diventi immortale.

Più uomini o donne che scrivono d’amore?
Sia uomini che donne, in egual misura, le mie raccolte ne sono la conferma. ad Amore Amaro, piccola raccolta di versi amorosi, editato l’anno scorso è seguita Passione Latina è vero, sempre scritta dalle Women@Work… ma bolle in pentola CATULLO – poesia d’amore allo stato puro maschile e ne leggeremo delle belle…

Ci parli dei tuoi libri? E dell’ultimo che è una collezione?
Io sono la curatrice dei libri che edito, detta anche scherzosamente la tenutaria (quando si parla di eros) o l’abbadessa (quando le mie scrittrici piangono e soffrono per amore) o anche la maestrina, nomignoli scherzosi che mi hanno affibbiato le mie scrittrici a seconda dell’argomento trattato in quanto, poi, sono io che le devo rimettere a posto le poesie sia nella terminologia che nella metrica. delle poesie dei miei libri. L’autore/autrice rimane sempre sconosciuto, perché questa in fondo è l’etica della faccenda, pertanto non si sa neanche quali siano quelle scritte da me. Sempre del mio gruppo è in uscita pure un romanzo L’AMANTE DI LADY CHAT: una scommessa, questa, prima di tutto con l’autrice ma al contempo una conferma di come la scrittura, quando la qualità degli argomenti venga coordinata alla professionalità delle competenze editoriali, sia un sogno felicemente realizzabile.

Scrivere poesie è un modo di esprimersi? Pensi che il giono d’oggi sia fatto per le poesie? O il nostro è un mondo condannato alla prosa?
Il consumo letterario odierno è molto più orientato al romanzo e in generale alla prosa, piuttosto che alla poesia vera e propria, spostandola quindi verso una posizione che sembrerebbe secondaria. cioè secondaria lo è, a mio avviso, solo in termini di numeri, ma rimane un piacere elitario per palati fini.

Le donne e l’amore…sei d’accordo che le donne s’innamorano di più degli uomini? Eppure i grandi poeti che parlano d’amore sono uomini. Perchè secondo te?
No, appunto, è solo questione di modi diversi di approcciare l’amore. come raccontavo prima della raccolta CATULLO: negli uomini troviamo più spirito carnale e immediatezza di sentimenti, rispetto a noi donne – almeno quelle del nostro gruppo – che sono più elucubrative e che l’amore lo offrono e lo soffrono, ma a tutti i livelli, non solo quelli corporali, fisici

E cambiato qualcosa oggi?
Non lo so, sicuramente i costumi odierni danno la possibilità di poterci esprimere a tutto tondo e quindi di poter mettere su carta pensieri anche di un certo tenore erotico, senza che nessuno si debba scandalizzare. il salto tra Saffo e l’oggi ha visto un buco mediatico in questo senso non indifferente!

Meno sentimenti o paura di esprimerli?
No, i sentimenti sono sempre quelli, anzi: oggi abbiamo la possibilità di esprimerli in pieno, in tutti i modi, appunto. Il sentimento non è che l’afrodisiaco che fa da ponte tra la mente e il corpo!

===================================================

 

Selezionata per voi

cioccolato

Fondamentalmente
fondente e fondante

per divenire
liquido

al solo tocco
del mio calore,

per scioglierti
in bocca,

nella mia bocca
e nel mio cuore.

Ti bacio sulle labbra
dal tuo sapore marrone

delicato desio
melodioso al palato,

dall’aroma soave
morbido e liscio.

Una dolce promessa
che si fonde

alla dolcezza
della mia avidità,

mentre contemplo
i tuoi occhi color cioccolato

pregna del bruno scuro
dei pensieri tuoi.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

3 commenti

  1. Pingback: Il silenzio delle innocenti - GRUPPO LETTERARIO WOMEN@WORK

  2. Pingback: FEMMINICISMO, una storia di ordinaria follia - GRUPPO LETTERARIO WOMEN@WORK

  3. Pingback: LIBRI: UN LICEO DA SUICIDIO, di Martino Sgobba - GRUPPO LETTERARIO WOMEN@WORK

Lascia un commento


− 4 = cinque