Antonello da Messina, un artista siciliano in mostra a Palazzo Reale

0

Dal 21 febbraio al 2 giugno 2019, una straordinaria mostra dedicata ad “Antonello da Messina” prende il via a Palazzo Reale.

di Flavia Capudi Schenone

l'annunciata

L’Annunciata

L’esposizione è considerata uno degli eventi culturali più rilevanti nel panorama nazionale e internazionale del 2019. Un’occasione speciale per entrare nel mondo di un artista eccelso, considerato il più grande ritrattista del Quattrocento.

Su 35 delle meravigliose opere scampate a tragici avvenimenti naturali, quali terremoti e alluvioni, ben 19 sono esposte, tutte capaci di fare innamorare i visitatori, che questa città attira ormai da tutto il mondo. A cominciare dall’”Annunciata”, opera simbolo di Antonello da Messina, che rimarrà negli occhi e nel cuore di ognuno, quale ricordo indelebile di un evento eccezionale. Si tratta di tavole di pero, noce, tiglio, pioppo di piccole dimensioni dipinte con oli e tempere, prestate da musei italiani e stranieri.

Accanto a queste opere saranno in mostra anche i taccuini e i disegni di Giovan Battista Cavalcaselle, grande storico dell’arte e guida d’eccezione che condurrà il visitatore alla scoperta del grande Maestro. È stato lui, per primo, a ricostruire il catalogo dell’artista. Catalogo che per l’edizione in mostra è stato affidato alle ben note competenze di Skira editore che ne ha fatto un libro importante con interventi, tra gli altri, di Giovanni Carlo Federico Villa, Renzo Villa, Gioacchino Barbera, Giorgio Montefoschi, Elisabetta Rasy…
Bellissimi l’allestimento, i colori, le luci che rendono l’insieme unico e affascinante.

Antonello da Messina
A cura di Giovanni Carlo Federico Villa
Palazzo Reale – piazza Duomo -Milano
21 febbraio – 2 giugno 2019
Orari: lun. 14.30 – 19.30; mar. mer.ven. E dom. 9.30 -19.30; gio. e sab. 9.30 – 22.30
Biglietti: € 14,00 intero; € 12 ridotto
Info: www.mostraantonello.it; www.palazzorealemilano.it

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


cinque + = 13