Una vacanza fuori del comune III : Craco e Miglionico

0

Visitare Craco e Miglionico nell’interno della Basilicata ma non lontani da Matera  ed è stato come esplorare un’altra realtà.

Spesso si viaggia per rincorrere luoghi poco conosciuti e difficilmente accessibili, per dire  ”l’ho visto, ci sono stato” e purtroppo invece si lasciano da parte curiosità e bellezze a noi vicine. E’ il caso di Craco e Miglionico due paesi consigliati da alcuni  locali ed è stato come esplorare un’altra realtà. Continuando da Ginosa  per la Basentana, verde, ondulata e di colori variegati siamo arrivati  in due paesi che hanno una lunga storia alle spalle: Craco, la città fantasma e Miglionico, nota per il casello  del Malconsiglio. craco2Craco è un comune italiano  della provincia di Matera. Visto dal di fuori oggi sembra un ammasso di ruderi lasciati all’incuria del tempo Purtroppo egli anni sessanta, il centro storico ha conosciuto un’evacuazione che lo ha reso una vera e propria città fantasma. Tuttavia, questo fenomeno ha contribuito a rendere particolare l’abitato di Craco, che per tale caratteristica è diventato una meta turistica ed un set cinematografico per vari film. Infatti Craco è stata scelta da molti reCalanchi_Basilicata-da-vederegisti come location per i loro film, dalla La passione di Cristo (2004) di Mel Gibson, dove Craco fu scelta dal regista come sfondo durante la scena dell’impiccagione di Giuda, a Cristo si è fermato a Eboli (1979) di Francesco Rosi: nell’episodio dell’arrivo di Carlo Levi alla nuova destinazione di confino, Gagliano. Sorge ella zona collinare che precede l’Appennino Lucano a circa 390 m s.l.m., a mezza strada tra i monti e il mare, nella parte centro-occidentale della provincia.

Qui il territorio è vario, con predominanza dei calanchi, profondi solchi scavati in un terreno cretoso dalla discesa a valle delle acque piovane. E sono i calanchi è stimolano la nostra curiosità:  la natura ha creato degli scenari fantastici che ricordano la Cappadocia o i paesaggi dei film western. con  i suoi profondi canyon, le aride dune bianche e i suoi pinnacoli naturali hanno ispirato poeti, pittori e registi che li hanno scelti per la loro unicità e bellezza.

Paese di lunga storia medioevale , a causa di una  frana di vaste proporzioni, nel 1963 Craco inizio ad essere evacuata e parte degli abitanti si trasferirଠa valle, in località  “Craco Peschiera”. Allora il centro contava quasi 2000 abitanti. La frana che ha obbligato la popolazione ad abbandonare le proprie case sembra essere stata provocata da lavori di infrastrutturazione, fogne e reti idriche, a servizio dell’abitato. Nel 1972 un’alluvione peggiorò ulteriormente la situazione, impedendo un’eventuale ripopolazione del centro storico e dopo il terremoto del 1980Craco0008 Craco vecchia venne completamente abbandonata.craco-città-fantasma
Proprio per  questo esodo forzato, Craco è rimasta intatta, trasformandosi però in un paese fantasma, entrando nel 2010 nella lista dei monumenti da salvaguardare redatta dalla World Monuments Fund
Il comune, nella realizzazione di un piano di recupero del borgo, ha istituito, dalla primavera del 2011, un percorso di visita guidata, lungo un itinerario messo in sicurezza, che permette di percorrere il corso principale del paese, fino a giungere a quello che resta della vecchia piazza principale, sprofondata in seguito alla frana. Nel dicembre 2012, è stato inaugurato un nuovo itinerario guidato, che permette di entrare nel nucleo della città fantasma.
Nel 2013, il centro storico ha registrato un’affluenza di circa 5.000 visitatori.
rovineCraco
Craco0001
 Craco_strada
Miglionico
Miglionico (da Milione il fondatore, un militare greco) è un’altra storia. La citta vissuta e vivibile ha  dietro di sé ha una storia  centenaria  della quale sono rimaste le mura possenti costruite un tempo.
È nota per le vicende legate al Castello del Malconsiglio ove si tenne la Congiura dei baroni contro re Ferdinando I di Napoli.

E’ situata nella media valle del Bradano, e sorge su una collina tra i fiumi Bradano e Basento nella parte centro-orientale della provincia di Matera.

Si trova a 461 m s.l.m. e confina a nord con il comune di Matera da cui dista solo 21 km e quindi vale forse la pena di inserirla nel tour turistico.
Si produce un buon olio ed è infatti affiliata all’Associazione Nazionale Città dell’Olio, un ente che si occupa della promozione e valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva e dei territori di produzione.
miglionico-chiesa-madreMiglionico_Piazza_popoloMiglionico_torre1
lago san giulianoMiglionico_castello1
Miglionico è situata nella media valle del Bradano, e sorge su una collina tra i fiumi Bradano e Basento nella parte centro-orientale della provincia. Nel suo territorio si trova la riserva regionale San Giuliano, in quanto il versante destro del fiume Bradano e del lago di San Giuliano appartengono in parte al territorio del comune. Si trova a 461 m s.l.m. e confina a nord con il comune di Matera (21 km), ad est con Pomarico (10 km) e Montescaglioso (24 km), a sud con Ferrandina (15 km) e ad ovest con Grottole (13 km). Dista 21 da Matera e 83 km dal capoluogo di regione Potenza.
Una volta, quando non esisteva la Strada statale 407 Basentana, era via obbligata per chi dal litorale jonico doveva addentrarsi nella Lucania per raggiungere Potenza e da lì Napoli.
continua

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Redattrice ed esperta di marketing e PR; proprietaria di www.dols.net di cui è direttore editoriale e general manger nonché di questo nuovo dols.it. Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


sette − = 6