Se potessi

0

La poesia della giovane Lavranou è un inno d’amore in cui il sentimento si denuda con la voce di una spudorata forza emozionale.

di Valentina Elena Lavranou

 
Ti mostrerei cos’è un uomo
E cosa significa amare
Se potessi ti stupirei
E renderei tangibile un pensiero
Perché tu sappia cosa sussurra il mio cuore
Se potessi parlarti di me e di te
Lo farei con suoni nuovi
Cosa mi resta se non le parole che inventeranno gli uomini?
Credimi.
Ciò che chiede adesso il mio animo
È la possibilità di voltarmi e rivivere te
E il tramestio del tuo pensare confuso
E del mio viaggio sognato
E il nostro
Grande mondo da condividere.
Tutto replicherei all’infinito.
Se potessi salvarti
Cavalcherei i tuoi sogni
Per condurli lì dove biondi angeli alati
Dipingono boschi di desideri esauditi.
Se potessi
Troverei la forza che mi appartiene tra mille abbandonate
E sceglierei quella del fuoco, dell’acqua
Tutta la forza da dedicare a te.
Aspetterei gli inverni a Nord
E a Sud le estati
E te, ovunque.
Se potessi
Ti giuro
Spegnerei i cataclismi
Valicherei le montagne di tutti i tuoi mali
Per donar loro la pace.
Se potessi spiegare quel che mi accade
– luce e scintille e tornadi – disegnerei
ogni dettaglio.
Se potessi ti mostrerei cos’è un uomo
E cosa significa amare.
Ma non posso.
E mi arrendo.

  La poesia della giovane Lavranou è un inno d’amore in cui il sentimento si denuda con la voce di una spudorata forza emozionale. La generosità emotiva espressa in versi armoniosamente modulati scorre lungo interrogativi acquietati che conoscono l’alternanza della sfrontatezza e del coraggio. Delineano i sentieri dell’amore senza reale resa.
       La scorrevole stesura dona alle parole la giusta collocazione e la musicalità interna. Intrigante che siano le riflessioni di una giovanissima promessa.
Elena Luviso

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− cinque = 3