AMMINISTRATIVE di GIUGNO 2016. Vota donna!

0

Il 5  giugno si voterà per eleggere sindaci e sindache e nuovi Consigli comunali in 1.371 comuni, il 17,1 per cento dei circa 8mila comuni italiani.

Se conosci e stimi una candidata sindaca o consigliera comunale votala e falla votare!

da Aspettarestanca

La doppia preferenza ti permette di aggiungere, se ritieni, anche la preferenza per un candidato a consigliere suggerito dalla tua candidata o da te conosciuto.

Se hai deciso di votare un candidato uomo, aggiungi la preferenza per una donna suggerita da lui o individuata da te .

E’ importante che le nostre città siano amministrate da donne e uomini, possibilmente in proporzione alla popolazione, dove le donne sono oltre la metà

Tieni presente che tra i sindaci e i consiglieri uscenti la gran maggioranza è di uomini e che le nuove candidature di donne partono svantaggiate per una serie di motivi, non ultimo il mancato rispetto sulle norme per la par condicio di genere, studiate per evitare la presenza massiccia di uomini nei mass media in tutto l’arco dell’anno e in campagna elettorale, che svantaggia le donne, meno conosciute dai possibili sostenitori e sostenitrici.

In giugno si voterà per eleggere sindaci e sindache e nuovi Consigli comunali in 1.371 comuni, il 17,1 per cento dei circa 8mila comuni italiani.

I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23.

Ricordare di portare un documento d’identità valido e la tessera elettorale

Il primo turno si svolgerà domenica prossima 5 giugno, un solo giorno, dalle 7 alle 23, gli eventuali ballottaggi domenica 19 giugno:

Nei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti si può esprimere una sola preferenza.
Nei comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti è possibile esprimere due preferenze per i candidati a consigliere comunale, scrivendone il cognome nelle apposite righe tratteggiate poste al di sotto del contrassegno di lista.

In caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare una candidata di genere femminile ed un candidato di genere maschile (o viceversa), pena l’annullamento della seconda preferenza.

Nei comuni con più di 15 mila abitanti: se nessun candidato ottiene il 50 per cento più uno dei voti si procederà con un ballottaggio tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Si vota con una sola scheda, sulla quale ci saranno i nominativi dei candidati alla carica di sindaco e, a fianco di ciascuno, il simbolo o i simboli delle liste che lo appoggiano.

Si può votare in tre modi diversi:

il primo, tracciando un segno solo sul simbolo di una lista, assegnando in tal modo la propria preferenza alla lista contrassegnata e al candidato sindaco da quest’ultima appoggiato.

Il secondo: tracciando un segno sul simbolo di una lista, eventualmente indicando anche la preferenza per uno dei candidati alla carica di consigliere comunale appartenente alla stessa lista, tracciando contestualmente un segno sul nome di un candidato sindaco non collegato alla lista votata (si tratta del cosiddetto “voto disgiunto”).

Il terzo: tracciando un segno solo sul nome del sindaco, votando così solo per il candidato sindaco e non per la lista o le liste a quest’ultimo collegate.

Come si vota nei comuni con meno di 15 mila abitanti
Si vota con una sola scheda dove saranno presenti i nomi dei candidati alla carica di sindaco e delle liste che li appoggiano. Votando il sindaco si vota automaticamente la lista che lo appoggia. Se nessuno dei candidati ottiene il 50 per cento dei voti si procederà al ballottaggio. Una volta eletto il sindaco, alla lista che lo appoggia andranno i due terzi dei seggi disponibili, mentre i seggi restanti saranno divisi proporzionalmente tra le altre liste.

Per saperne di più:

Si voterà in cinque capoluoghi di regione:Roma, Milano, Bologna, Cagliari, Napoli, Torino e Trieste: e in 25 comuni capoluoghi di provincia.

Gli italiani residenti all’estero possono votare alle elezioni amministrative venendo in Italia a votare presso il comune di iscrizione nelle liste elettorali. Per le elezioni amministrative non è, infatti, previsto il voto per corrispondenza all’estero.

Votano anche i cittadini dell’Unione europea residenti in Italia, purché abbiano presentato apposita domanda entro il quarantesimo giorno dalla votazione.

Le persone che si recheranno a votare nel proprio comune di iscrizione elettorale potranno usufruire delle agevolazioni di viaggio che verranno applicate da enti o società che gestiscono i relativi servizi di trasporto.

Con particolari modalità possono votare le persone degenti in un ospedale o casa di cura.

Vedi anche in http://elezioni.interno.it/faq.html

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


sette − 5 =