La vita non è sempre un romanzo

0

di cat-luc

”A volte fare la carogna è l’unica scelta che rimane a una donna” dal film ‘L’ultima eclissi’.

Spesso la scelta più facile non è la migliore, ma ancor più spesso essere buoni è fingere persino a se stessi. Ma nemmeno ti rende felice e la cosa migliore alla fine sembra distruggere tutto.

A questo pensava Carlotta guardando il torrente colmo d’ acqua che si muoveva sotto di lei. Un flusso continuo di piccole particelle che scorreva lentamente per raggiungere il fiume e con esso arrivare al mare.

Il movimento delle piccole onde che si creavano, sbattendo le une contro le altre, rinvigorivano la forza della massa liquida e trasparente che veniva giù da una qualche sorgente sui monti. Lei era invece lì, immobile che la guardava dal terrazzino del bar in cui l’avevano lasciata i suoi amici per poi tornare a prenderla più avanti nella giornata.

Aveva chiesto lei stessa di essere lasciata lì a godersi la frescura del fiume che ammorbidiva la calura estiva di agosto.

Era sola, ma non si sentiva tale, così rincorsa dal tumulto dei pensieri che s’inseguivano affannosi e che nemmeno il dolce paesaggio delle Alpi lontane riusciva a placare.

Ricordava, ricordava…tante cose che erano accadute nella sua vita e dalle quali non poteva tornare indietro. Ora non più….

________________

La vita di Carlotta non era stata una né comune, né piana. Aveva viaggiato molto, sia con i genitori, sia dopo, una volta cresciuta, per studio e per lavoro.  Aveva accumulato esperienze di vita, conosciuto persone, soddisfatto le sua curiosità di sapere. I suoi ricordi erano spesso un groviglio di informazioni variegate che non riusciva ad ordinare nella mente se non soffermandosi e partendo da un punto fisso.
Per esempio, quanti fiumi e corsi d’acqua aveva visto nella sua vita..Come la Moscova a Mosca, per esempio, quando studentessa universitaria si era recata per un viaggio di studio prima d’estate e poi per una borsa di studio di sei mesi.
Ma quel fiume possente che attraversava la capitale russa, lo ricordava ancora. A due passi dal Cremlino e dalla tomba di Lenin. Era una fanatica comunista allora, o perlomeno le piaceva crederlo e farlo credere.
Invece a ben vedere criticava in cuor suo la vita a cui era condannato un popolo una volta glorioso e ricco. Una povertà uniforme, non di idee, ma di mezzi. Uniforme per tutti tranne che per la nomenclatura o per i privilegiati.

Eppure le piaceva scorazzare per le vie di Mosca a piedi o in metrò. La famosa metropolitana moscovita. Enorme, estesa e esteticamente bella nei tratti centrali, da Prospekt Marksa in poi, più deludente ed anonima nei tratti nuovi. Tutti leggevano in metrò, per passare il tempo, forse, o per sete di cultura. Quei libricini minuscoli in carta giallognola che odoravano di polvere anche se uno scaffale non lo avevano mai visto.
Gente di tutti i colori e di tutte le etnie, ma principalmente di pelle bianca. O meglio rosata. Il classico colore di una pelle che il sole lo prende solo d’estate, ma senza scottarsi eh…
La cosa che rammentava Carlotta con maggior piacere era la sensazione di sicurezza individuale che aleggiava anche nei posti più in ombra ed isolati. Come quella volta in piazza Rossa all’una di notte con Larisa, o meglio Lara la sua amica russa. Faceva freddo, fioccava leggermente, ma si erano avventurate sulla grande spianata per sentire i rintocchi della torre del Cremlino e vedere il cambio della guardia davanti al mausoleo di Lenin. Loro due da sole e nessuno più. Da una parte la torre Spasskaja e dall’altra le cupole variopinte della Chiesa di San Basilio.
Pensare che, come aveva sentito narrare, l’autore di tale gioiello architettonico fosse stato fatto accecare dallo zar Ivan il Terribile che glielo aveva commissionato, le trasmetteva dei lunghi brividi ogni volta che si soffermava a guardarlo.

Quella volta il deserto di voci e di persone venne ad un certo punto interrotto da un profilo umano che si avvicinava loro con passo incerto.

<continua>

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− tre = 6