la donna nel socialismo italiano

0

di Marta Ajò

La riedizione di ”La donna ne socialismo italiano’  a distanza ormai di decenni dalla prima stesura di questo volume vuole riproporre all’attenzione storica e politica, allo studio e alla ricerca, l’impegno delle donne socialiste per ottenere molti di quei diritti che oggi appaiono scontati e che hanno contemporaneamente aperto e sostanziato la strada alle ulteriori rivendicazioni espresse dalle donne nel corso del tempo fino ad oggi. Scritto in una fase in cui il movimento femminista sembrava trovarsi in una situazione di stallo, le socialiste avvertirono la necessità di ripercorrere la storia della lotta per l’emancipazione della donna all’interno del Psi, la prima forza politica che ha dato spazio alle rivendicazioni femminili nel contesto del movimento di classe. Il lavoro, la famiglia, i diritti, costituiscono i nodi centrali attraverso cui si dipana un itinerario politico di vaste proporzioni e forte complessità.

Il volume coglie i punti problematici a volte contraddittori, in un’analisi che esige chiarezza e non si accontenta di formule variamente acquisite.

L’intervista a Riccardo Lombardi, storico rappresentante socialista, approfondisce in un esame critico le posizioni assunte dal Partito, le sue resistenze, i suoi contributi, le ipotesi di rapporto tra il Psi e il movimento delle donne.
Infine, con questa riedizione, speriamo di fornire un contributo alle ricerche di chi studia le politiche di genere, la loro storia e il loro andamento.
Riccardo Lombardi, ingegnere, giornalista, fu antifascista e tra i fondatori del Partito d’ Azione nel 1942. Prefetto a Milano dopo la liberazione, entrò nelle file del Partito Socialista Italiano di cui fu storico esponente e deputato dal 1948 alla sua morte, 1983.
Simona Colarizi, professore emerito di storia contemporanea dell’università di Roma “La Sapienza “. Ha raccolto gli scritti politici dal 1963 al 1978 di Riccardo Lombardi (Marsilio 1978) e ha introdotto i suoi discorsi parlamentari dal 1946 al 1955 (Camera dei Deputati, v.I, 2001). Tra le sue ultime pubblicazioni, Un paese in movimento .L’Italia negli anni Sessanta e Settanta (Laterza2019); Passatopresente. Alle origini dell’oggi, (Laterza 2022)

Marta Ajò, scrittrice, giornalista. Dirigente nazionale del PSI dal 1973 al 1993. Si è occupata in particolare di politiche di genere. Ha rivestito importanti incarichi istituzionali. Ha progettato il sito internet della Commissione Nazionale di Parità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, di cui è stata content manager fino al 2004. Nel 2005 ha creato il sito d’informazione www.donneierioggiedomani.it che ancora oggi dirige. Ha pubblicato e curato diversi libri, romanzi e saggi tra cui Viaggio in terza classe (seconda edizione, KIEEN Publisghing International 2017).
I numerosi materiali a cui si fa cenno, i libri e l’archivio storico che costituiscono il Fondo Marta Ajò sono stati donati alla Fondazione Pietro Nenni e sono a disposizione degli studiosi.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− tre = 1