Il mio Natale di Cosimo Lerario

0

Per una ragione o per l’altra non è che ne abbia passati tanti di Natali scintillanti e patinati come quelli delle pubblicità

di Cosimo Lerario

Il mio è un Natale… attonito.

Sì, se proprio devo affibbiare un’etichetta a questo Natale in dirittura di arrivo lo definirei proprio così: attonito.

Attonito per una serie di svariati motivi. Il principale dei quali, per coloro i quali come me hanno scavallato l’apex della propria esistenza e più o meno rapidamente si dirigono verso la discesa finale, si compendierebbe nella frase: “Beh, ne ho visto un altro. Sono ancora vivo”.

Nonostante tutto quel che si è vissuto. Nonostante la pandemia e quant’altro. Nonostante tutto e tutti.

Sgomberiamo subito il campo da un equivoco concettuale: sono tra coloro che si peritano di ricordare che l’umana specie nell’ultima settimana di dicembre celebra e festeggia la nascita di una dozzina di divinità. Noi, per latitudine e periodo storico di nascita, ci ritroviamo prevalentemente a vivere quella cristiana; ma ciò non toglie che si sia legittimati a fingere che non esistano anche i Natali degli altri.

Il periodo in questione è quello in cui il Sole, con la sua Luce, inizia a riprendere vigore e durata.

Se ne accorsero gli Uomini già nell’antichità e dall’epoca è stato escogitato di tutto perché questo evento fosse ricordato e celebrato con la dovuta enfasi. Che poi lo si faccia utilizzando l’immagine di un San Nicola (so quel che dico: sono di Bari) vestito con i colori sociali della Coca-Cola non mi scandalizza più di tanto.

Il Natale sta alla Astronomia come l’Amore sta alla Chimica dei neurotrasmettitori: cos’altro credevate che fosse?

Ma è meglio che mi fermi qui con queste considerazioni, che rischio di allontanarmi dal tema, come mi capitava sovente (vero, Direttora Caterina ?) con i miei compiti di italiano a scuola.

La traccia, se l’ho compresa bene, riguarda il “mio” Natale. Non quello che mi circonda, quello degli altri.

E anche qui, mi vedo costretto a divergere dalla comune percezione di questa festività. Per come l’ho vissuta personalmente non potrebbe essere altrimenti.

Il Natale della mia infanzia era tutt’altro che rassicurante e gioioso. Ci si riuniva, effettivamente, in famiglia: ma quel benedetto cenone ci metteva poco a trasformarsi in incubo. Gli adulti erano tutti, chi più chi meno, portatori di proprie invincibili frustrazioni che li conducevano immancabilmente a trascinarsi in stucchevoli polemiche e accesi litigi.

Il tutto urlato a volume esasperatamente alto. Altro che tombolate e giochi di società.

Noi piccoli cuginetti, ne subivamo immancabilmente le conseguenze: talvolta anche sul piano materiale. Non scordiamo che il periodo a cui mi riferisco, i primi anni del sesto decennio del secolo scorso, non garantiva i più piccoli né dai ceffoni educativi, tantomeno li rendeva estranei anche alle più controverse diatribe familiari.

I “grandi” pensavano che in fin dei conti anche quelle scenate servissero a farci crescere, ma non potevano immaginare a quale prezzo.

Nel corso della mia vita da adulto, poi, Natale e Capodanno li ho spesso vissuti lontano di casa per motivi di servizio.

Ricordo quelli del 1991 e del 1992 a Valona (Albania). E quello del 1993 a Chimoio (Mozambico) dove peraltro eravamo in piena estate, tanto da piazzare l’’alberello con le decorazioni a bordo piscina.

Successivamente trascorsi le festività natalizie nel 2000 a Pristina e nel 2006 a Belo Polje, entrambe in Kosovo.

E ancora altri in giro per il pianeta.

Insomma, per una ragione o per l’altra non è che ne abbia passati tanti di Natali scintillanti e patinati come quelli delle pubblicità. Ma, a ben pensarci, li ho comunque vissuti.

Ed ora, cercando di non rivangare troppo sui precedenti, mi appresto trascorrerne un altro.

Attonito.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


nove − = 3