MERCURY

0

Freddie Mercury fu unico perché esotico

di Daniela Tuscano

bohemian rapsodyIl biopic Bohemian Rhapsody non è un capolavoro, né la regia brilla per originalità. I personaggi, poi, risultano stereotipati. Tuttavia raggiunge lo scopo, attirare milioni di spettatori. Per chi, come me, i Queen li ha vissuti in prima persona, il fenomeno ha dell’incredibile. Mai avrei sospettato, quando scoprii Freddie Mercury nel 1977, che un giorno avrei visto un film sulla sua vita. Ancora adesso non mi capacito della sua scomparsa per il morbo più assurdo e ingiusto dei nostri tempi. Negli anni ’80 l’Aids falcidiò una pletora di artisti e intellettuali di primissimo ordine. E poiché molti (e i nomi, li ricordo tutti) evocavano il castigo di Dio per depravati e tossici, mi sono sempre chiesta come mai una sbandata sessuale, o una dose di troppo, fossero peccati più gravi d’un omicidio o uno stupro. Insomma, se era una punizione divina, perché non ai mafiosi? O pedofili, terroristi ecc.?

A Freddie ci si poteva affezionare, perché platealmente imperfetto, eccessivo, kitsch. E indifeso. Comprensibile, quindi, la commozione per la sua vicenda umana da parte d’un pubblico di tutte le età.
Freddie era un genio semplice, anti-intellettuale malgrado le origini e i suoi compagni di viaggio, e probabilmente Bohemian Rhapsody gli sarebbe piaciuto. Ho amato molti loro brani, ma non erano la mia band preferita. Adesso ascolto con piacere le prime prove – Sheer Heart Attack in particolare -, accanto a successi planetari in grado di coniugare arte varia come News of the World, titolo “giornalistico” e copertina futurista, minimale rispetto alla sontuosità cinematografica di A Night at the Opera o A Day at the Races.

Freddie Mercury fu unico perché esotico, perché nel suo rock inseriva Zoroastro e Ibrahim, la lirica e il progressive, l’Occidente e il (Medio) Oriente, e oggi ha il volto del bravo Rami Malek. Se, attraverso la sua arte, ai giovani arriva un messaggio di rispetto per le minoranze, i diversi, gli occidentali di nuova generazione, la sua parabola non è passata invano.

https://www.youtube.com/watch?v=8z6wJHPhJUM

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


otto + = 12