Estate 85

0

Quando sono andata a vedere questo film speravo di vedere più tracce di quella famosa estate che per molti dei miei coetanei (ed anche mia) era stata un’estate di libertà, desiderio che tutto fosse possibile, amore e gioia serena.

Già negli anni 80 l’Hiv era arrivato nel mondo americano (in Italia il primo caso fu nell’81) e l’infezione prendeva ogni giorno più piede, soprattutto tra gli omosessuali che sempre in maggior numero si stavano facendo avanti.

Quindi vedere un film che parla proprio di quegli anni che apparivano liberi dalle catene del sesso è stata una sorpresa. Una bella sorpresa.

Oggigiorno incontrare una pellicola  nella quale si parla di amori omosessuali non è una novità ma una normalità sconfiggendo quelle sacche di ultra conservatorismo che ancora esistono specie nelle vecchie generazioni di destra. Oggi i giovani parlano di ”gender fluid” di cambiare sesso in giovanissima età (quando ancora non si è nè carne, nè pesce), di rapporti consenzienti e no etc.

Quindi il bellissimo film di Ozon tocca questo tema con grazia, rispetto e tanta tanta passione.
La passione di essere giovani ed osare senza temere nulla, anche di ferire l’altro (che sia omosessuale o no) il desiderio di baciare, toccare, essere toccati. Un desiderio sessuale molto prossimo all’amore che quando non c’è porta a gesti disperati ed inconsulti. Come quello di farsi promettere e mantenere la promessa di ballare sulla tomba del primo dei due innamorati/amanti che fosse morto. Eros e Thanatos insieme legati per sempre.

Vorrei sfidare i lettori dell’articolo a dirmi che la passione e l’attaccamento quasi morboso dei due protagonisti (toccare il corpo di uno mentre si vola in moto, stringendosi forti forti in un abbraccio tra passione e desiderio di cura) non è quello che anche le coppie eterosessuali provano all’inizio di un rapporto d’amore?

L’amore è sempre amore, il sesso è sempre sesso, le delusioni sono sempre tali.  Per tutti i generi e in tutte le età.

L’arrivo dell’Hiv ha posto un freno alla liberazione dell’amore ma non l’ha annullato. Forse l’ha reso solo più cauto.

Quindi vi consiglio di vedere questo bel film qui in streaming in Italiano senza pregiudizi e con un animo lieto ed aperto all’amore

Regia di François Ozon. Un film Da vedere 2020 con Félix Lefebvre, Benjamin Voisin, Philippine Velge, Valeria Bruni Tedeschi, Melvil Poupaud. Cast completo Titolo originale: Eté 85.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


quattro + = 8