Generazione Z – The Dismissed generation

0

Questo progetto è stato commissionato da due donne e madri Roberta Colombo Gualandri e Dott.ssa Giovanna Testa, preoccupate per il presente col Covid ed il futuro incerto dei giovani. E stato realizzato da un team internazionale di giovani Vanilla Shake Productions, tra gli Stati Uniti e l’Italia.

Creato da Vanilla Shake Productions, GEN Z: The Dismissed Generation segue le vite di 5 Generation Z (dai 18 ai 20 anni) di Milano, che si orientano nel nuovo mondo colpito dal COVID-19. La web series, composta da 5 episodi, riunisce giovani adulti accomunati dalla loro resilienza e capacità di adattare il proprio stile di vita a fronte della pandemia. Il loro spirito proattivo e la loro tenacia sono al cuore di questa serie.

Attraverso questa serie, prodotta da un team internazionale, i registi Marcello Di Gregorio, Tommaso Frangini e Francesco Bianco cercano di mostrare il notevole impegno di questa generazione per un futuro di maggiore certezza, nonostante lo sconcerto del momento.

La web series tratta ciò che molti media non hanno avuto il coraggio di raccontare, cioè il modo in cui studenti e giovani lavoratori affrontano la mancanza di stabilità. Attraverso i propri interessi, che vanno dall’attivismo politico, alla scrittura e alla fotografia, questi leader della Generazione Z ridefiniscono ciò che è loro possibile in questo mondo nuovo.

GEN Z: The Dismissed Generation è stato presentato in anteprima sui canali Instagram di Freeda Media (@freeda, @freeda_es, @freeda_en) con un breve documentario che unisce momenti della serie con interviste ai registi. Successivamente, gli episodi integrali sono stati  pubblicati sulla pagina di Vanilla Shake Videos (@vanillashakevideos). Questo progetto è stato commissionato da Roberta Colombo Gualandri e Dott.ssa Giovanna Testa.

Uscita Ufficiale: Febbraio 2021

Trailer di apertura

I vari episodi

 

marcello-tommaso-francesco

Vanilla Shake Videos

 

Team Esecutivo

Francesco Bianco

Produttore e Regia (Episodio 1 e 5)

Francesco Bianco (1997) è un regista e sceneggiatore italiano con base a New York. Studia Film&TV alla Tisch School of the Arts in NYU, dove ha prodotto diversi cortometraggi di genere surreale. Uno tra questi nel 2019 è stato selezionato per il Sight & Sound Showcase, che raccoglie i migliori lavori studenteschi selezionati dai docenti. Assumendo ruoli differenti (da assistente di camera, a produttore e montatore), ha collaborato alla creazione di video musicali, podcast, e web series selezionati in vari festival cinematografici oltreoceano.

Tommaso Frangini

Regia (Episodio 3 e 4)

Tommaso Frangini (1993) è un giovane regista italiano. Ha conseguito un Master in Film Directing presso la California Institute of the Arts – CalArts, a Los Angeles. Nel 2016 ha seguito il regista Andrea Pallaoro come assistente personale nel film Hannah, per cui Charlotte Rampling vinse la Coppa Volpi al Festival di Venezia. Ha quindi realizzato alcuni cortometraggi, selezionati e premiati in numerosi festival cinematografici internazionali. In particolare “Finis Terrae”, il suo corto di diploma di CalArts, è stato presentato in concorso alla 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Marcello Di Gregorio

Produttore Esecutivo e Regia (Episodio 2 e 5)

Marcello Di Gregorio è un regista e produttore italo-australiano, studente presso New York University. Nel 2018 è stato uno dei finalisti in una competizione nazionale per montatori video  condotto da ‘Le Iene’. Nel 2019 ha fondato Vanilla Shake Videos con altri creativi internazionali, dirigendo e producendo video content per brand in Thailandia, Stati Uniti e in Italia. Inoltre, lavora per la NYU School of Global Public Health come 2D Digital Animator e Video Specialist, realizzando video per sensibilizzare gruppi a rischio di COVID-19.

Un Progetto Commissionato da: Roberta Colombo Gualandri e Dott.ssa Giovanna Testa.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− 2 = tre