“Il Concorso”. Storia vera di Donne verissime.

0

E’ il 20 novembre del 1970. Nella  Royal Albert Hall, il più prestigioso teatro di Londra, si sta svolgendo la finale di Miss Mondo.
Lo spettacolo televisivo, in quegli anni, più seguito al mondo, con oltre 100 milioni di telespettatori.
Presenta le ragazze in concorso  l’attore  Bob Hope, presentatore leggendario  che resterà famoso in quella serata per epiteti alle  concorrenti  oggi nessuno mai oserebbe (perlomeno in pubblico). Già organizzatore di tour di giovani Miss Mondo in Vietnam per allietare le truppe americane al fronte, come si vede nelle immagini di archivio che aprono il film. Serata elegante, tutto esaurito, il mondo che guarda.

Ad un certo punto .. il caos. Le ragazze del neonato movimento femminista londinese irrompono gettando sacchetti di farina  sul palcoscenico  e volantini dal loggione del teatro ed in platea.

.5 miss worldmiss world

Questo il racconto di un episodio storico  e ricco di sfaccettature che  Philippa Lowthorpe ,già regista anche di The Crown, fa nel film “ Il Concorso “ (Misbehaviour )

Miss World 2.
Un racconto  attraverso il punto di vista delle due delle attiviste coinvolte, Sally Alexander e Jo Robinson, interpretate rispettivamente da Keira Knightley e da Jessie Buckley ma anche dal punto di vista delle uniche due candidate di colore  proprio a quel  concorso .
E’’ un film assolutamente da vedere , fresco ed intelligente.
Attento alla narrazione delle tematiche femministe nascenti , divise fra desiderio di stare al tavolo del mondo passando dalla legalità e dalla forza delle proprie risorse nei canali previsti e di quelle , invece, già consapevoli che solo una sia pur  disorganizzata  e a volte violenta  presenza avrebbe potuto  scuotere un sistema  refrattario al pensiero della parità di genere.
Un’opera  sensibile questo film, consapevole anche delle motivazioni delle “ non bianche”, delle  donne di colore che allora , nei propri paesi di origine, vedevano la possibilità della partecipazione proprio a quei concorsi di bellezza l’unico motivo di emancipazione da situazioni sociali che nessuna donna bianca e acculturata avrebbe allora mai potuto comprendere.misbehaviour due ragazze
E per loro poi , protagoniste da entrambe le parti, parleranno  le loro stesse vite raccontate nei piccoli  camei dei titoli di coda in cui le vediamo non più interpretate dalle attrici ma nella loro bella, vera  ed  attuale  presenza nel mondo. E sarà una ulteriore sorpresa.

Pearl+Jansen+YrWfpGOFyjmm Miss world
“Il Concorso “ è uscito nel 2020 e come tanti film è rimasto poco nelle sale. Si può , però, finalmente vedere in streaming (dando così anche una mano al cinema) su varie piattaforme.
Cercatelo, guardatelo voi , magari con  le vostre figlie, amiche o  nipotine, di qualunque età. Anche piccole.
E andate poi a guardare il filmato vero della serata  (si trova su you tube) o le foto!
E’ memoria che ci serve.
Memoria che fa rendere conto di quanto  sia stata l’  ineluttabile l’ignoranza sul valore di ruoli, posti, immagine della Donna  nel mondo e  di quanta forza ci sia voluta per provare a debellarla.
Ma anche della diatriba di sempre fra rifiuto e presenza nei media,  nei luoghi  che non ci piacciono per i motivi per cui li evitiamo,e di quanto sia ,invece, importante  conoscerli  per sapere come  si costruiscono  stereotipi , dove ancora possono nascere e perchè ,se ancora oggi vogliamo  ribaltarli.
E resta attuale e cocente  il discorso  in essere dalla prima proiezione di Lorella Zanardo del “Il corpo delle Donne”.

Sally Alexander  (protagonista del film) , studentessa universitaria, mamma e lavoratrice , decisa a credere nella capacità di potersi imporre con la sua competenza anche in luoghi non convenzionali per una donna, dice in una scena dopo l’ennesimo deludente rifiuto della sua università alla sua tesi di laurea  sulla condizione della donna lavoratrice: ”Credevo di essere seduta al tavolo del mondo ed invece mi accorgo che stare  sul seggiolone”

maxresdefault


Ecco, dopo questa frase e mentre il film continuava a scorrere  non ho potuto fare a meno di pensare a certe immagini di questi giorni della nostra crisi politica, cosi come quelle di tanti convegni e incontri importanti.
Le donne per lo più non ci sono, e se ci  si accorge che non fa figo non averle a quei “tavoli” perchè qualcuno lo nota ,  ecco allora che  ne spunta una il giorno dopo. Silenziosa ed accanto al microfono dell’interlocutore di turno.
Ma qui il discorso diventa lungo…e lo conosciamo bene.
Iniziamo, intanto ,a far girare e far vedere film cosi. Che narrano di storie vere.
Di forza vera messa in campo da donne che hanno cambiato qualcosa anche con lo
 scompiglio.
Con la  sana e indomità volontà di esserci.
Proprio dove si sarebbe  voluto altro.
E’ già qualcosa, oggi, ragazze. 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Milene Mucci

Milene Mucci. Nata il giorno della Befana ad Arezzo da anni vive a Carrara fra le Apuane e il mare . Scrive per Dols ( da anni) , per Exibart e Huffington Post. E' Counselor Professionista formata in Aspic (Scuola Superiore Europea di Counseling Professionale) con specializzazione in Art Couseling ed e' iscritta alla Reico. E' insegnante di Metodo Caviardage di scrittura poetica. Conduce laboratori di scrittura e mediazione artistica per lo sviluppo delle risorse personali e la crescita personale, soprattutto in relazione all'empowerment femminile. Sua e' la rubrica su Dols dal titolo "Donne si nasce assertive si diventa" Gia' impegnata in battaglie per i diritti civili con Ignazio Marino ,è membro della Fondazione "Antonino Caponnetto" ,che si occupa di lotta alle mafie ,cittadinanza attiva , legalita' e Costituzione. Ha due figli ormai adulti ed in giro per il mondo ed un gatto di nome Sheva che le fa da assistente e che , per ora, e' ancora a casa.. :-)

Lascia un commento


sette + 1 =