Una donna canta di mafia. Indignamoci, perchè le “parole contano”.

0

“ Una luce fioca inizia a lampeggiare, fuggite giovanotti, questa è la polizia! Sparate all’impazzata verso quella brutta compagnia (…) si stanno avvicinando con i mitra in mano, ma non abbiate paura, sono solo quattro pezzenti. Noi siamo i latitanti, noi siamo i più potenti. Spariamo con le pistole i fucili a canne mozze ma gli altri erano chiù assai e li pigliarono a tutti ”… E’ una ragazza quella che canta così , in un video su youtube da tre milioni e seicentomila e più visualizzazioni .
Si chiama Teresa ma il cognome ve lo andate a cercare che oggi anche la  pubblicità così detta negativa fa gioco . E io questo gioco non glielo voglio concedere. Le ho dato anche il beneficio di andarmele a sentire queste canzoni gravandomi del peso di aumentarne  anche le visualizzazioni .
Nella speranza che  fosse, come dice la sua casa di produzione, una sorta di tutela del  patrimonio storico della canzone popolare calabrese, un po’ come  canzoni della mala della Vanoni per intenderci .
Ma poi no.. .le ascolti queste cose, vedi il piglio, lo  senti urlare da questa interprete schitarrante  che poliziotti o carabinieri di  notte in cerca del povero latitante sarebbero “brutta gente”. Che sono  quattro pezzenti .
Gente che impedirebbe al  povero  ragazzo latitante ,in  uno dei suoi pezzi più famosi, sia  di stare con la mamma tanto amata che di pregare la Madonna Immacolata e , qui , la sensazione di nausea sale.
Sale la rabbia. Controcanto orribile a quello che sì, invece  per lo più
ignorato, si dovrebbe conoscere della Calabria, quella bella, oggi.
Della Calabria rappresentata dal lavoro del Procuratore Gratteri e del suo staff.  Del  processo in corso , il Rinascita Scott, definito dal  Washington Post  “un maxi processo contro la più ricca organizzazione criminale mondiale”.Con 325 imputati, 438 capi di imputazione, 600 avvocati, 30 parti civili, 224 parti offese individuate dalla procura. Qualcosa frutto delle  operazioni di polizia   fatte proprio da quei   pezzenti della canzone della signorina Teresa .

Gratteri

Delle operazioni fatte da quella “brutta gente “ che di notte  va a disturbare  i  potenti con fucili a canne mozze ,pistole e fucili, di cui lei canta .
“Non c’è fine al peggio, non c’è ritegno” scriveva ieri dalla sua pagina Fb a proposito delle canzoni di questa Teresa  Paolo Borrometi , giornalista sotto scorta da anni .
Non si può più far finta di nulla e, nell’attesa di comprendere se questi versi non siano la versione 2.0 del “favoreggiamento alla mafia”, c’è da interrogarsi sui milioni di persone che ascoltano ripetutamente questi brani. L’ignoranza dell’autrice è seconda solo alla sofferenza che chi la ascolta regala ai familiari di chi è morto per mano mafiosa.  No, non sono “omini d’altri tempi”. Sono solo sanguinari delinquenti”.paolo-borrometi-libro-160278.660x368
Canzoni storiche di autori datati si ribatte ? Decisa ad andare in fondo mi vado ad ascoltare anche l’ode ,stavolta a firma proprio della nostra  giovane autrice,dedicata ad un personaggetto come il capo dei capi  riina (il minuscolo è voluto e non è un refuso).
Pezzo che  finisce con il refrain cantato a squarciagola  dedicato a chi  “uomo di tanto rispetto ed onore rimase poi  chiuso a San Vittore “ ,alla sua storia , ad un uomo  con  “due giudici che gli erano contro “ e per i quali “arrivò per loro il giorno

.merante
Ok, la signorina Teresa e le sue canzoni sono cosa minima, infinitesimale cosa rispetto a quanto di drammatico accade ogni giorno,soprattutto in contesti dove di mafia si parla .
Ma mafia, dobbiamo ricordarci sempre, è prima di tutto mafiosità.
Quel  non vedere,per esempio,minimizzandolo , quale  danno culturale enorme possano  essere  canzoni con parole orrende.
Offensive nei confronti di chi sta lottando ed ha lottato  per un’ altra Calabria , ed un’altra  Italia .
Cosi che ,come non ho voluto nominare  questa colei  che canta di  latitanti perseguitati,  pentiti come traditori e di assassini come di gente di rispetto, chiudo questo pezzo nominandone ,invece, un’altra di ragazza.
Anche lei  del nostro Sud. Nipote ed omonima di una di quei pezzenti , di quella “brutta gente “ che proteggeva ,a vent’anni ,uno di quei due giudici “contro “ quell’uomo di cosiddetto rispetto .
Lei sì merita di essere nominata  e a lei sì vanno i migliori auguri per il suo lavoro.
Dal 27 gennaio ,infatti, Emanuela Loi , sì la nipote di quella Emanuela (nb.la giovane poliziotta morta insieme a Paolo Borsellino)indossa la divisa della Polizia

.nipote-emanuela-loi-770x480
”Sarà come continuare una missione che mia zia non riuscì a portare a termine, credo nello Stato e nei valori della nostra Repubblica, sarò orgogliosa di coronare il mio sogno” ha detto .
Per tutto il resto scritto prima e  per la tizia mora che canta quello che vi ho raccontato  qualcosa si può fare. Anche di piccolo.

le-parole-1
Scrivere, protestare, farsi sentire .Con correttezza e nei luoghi giusti.
Dove quelle parole scorrono, o vengono cantate.
Aggiungendo a quelle le nostre .
Senza stancarci mai.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Milene Mucci

Milene Mucci. Nata il giorno della Befana ad Arezzo da anni vive a Carrara fra le Apuane e il mare . Scrive per Dols ( da anni) , per Exibart e Huffington Post. E' Counselor Professionista formata in Aspic (Scuola Superiore Europea di Counseling Professionale) con specializzazione in Art Couseling ed e' iscritta alla Reico. E' insegnante di Metodo Caviardage di scrittura poetica. Conduce laboratori di scrittura e mediazione artistica per lo sviluppo delle risorse personali e la crescita personale, soprattutto in relazione all'empowerment femminile. Sua e' la rubrica su Dols dal titolo "Donne si nasce assertive si diventa" Gia' impegnata in battaglie per i diritti civili con Ignazio Marino ,è membro della Fondazione "Antonino Caponnetto" ,che si occupa di lotta alle mafie ,cittadinanza attiva , legalita' e Costituzione. Ha due figli ormai adulti ed in giro per il mondo ed un gatto di nome Sheva che le fa da assistente e che , per ora, e' ancora a casa.. :-)

Lascia un commento


nove + 1 =