“La vita davanti a sè”, l’emozionante ritorno di Sophia Loren.

0

Ritorna ad ottantatré anni, e dopo dieci anni di assenza dagli schermi, Sophia Loren  emozionandoci  e coinvolgendoci profondamente nel film diretto dal figlio Edoardo Ponti “La vita davanti a sé “.

Sophia-Loren-Ibrahima-Gueye-La-Vita-Davanti-a-se-The-Life-Ahead-POSTER-2020-11 (1)
Pellicola che sarebbe dovuta  uscire nelle sale cinematografiche i primi di questo tormentato novembre  e che  la produzione ha scelto di rendere visibile comunque mandandolo sulla piattaforma  Netlix  .
La storia è tratta da un capolavoro della letteratura francese contemporanea. Un  romanzo del ’75 di Emile Ajar, pseudonimo di  Romain Gary, scrittore francese morto suicida nel 1980.
Sceneggiato da Edoardo Ponti con Ugo Chiti, il film è stato girato per 6 settimane in Puglia, fra Trani e Bari, cosi che in questi luoghi antichi e suggestivi (bellissimo il quartiere ebraico) e non più nella balieu di Belleville si svolge  la storia di   Momo, ragazzino arabo, solo,  accudito dalla  vecchia prostituta ebrea, Madame Rosa  interpretata dalla Loren.

sofia2
Storia che dalle periferie di Parigi  è trasportata nel nostro Sud senza niente togliere anzi, aggiungendo  bellezza, alla tenera verità del racconto. Narrazione di un legame che unisce due vite dolorose che non pensano di meritare neanche il desiderio di felicità salvo cercare di trasformare questo sogno solo nella ricerca di pochi attimi  possibili.

sophia ballo

Madam Rosà interpretata dalla Loren è vecchia.
Non si può addolcire questa immagine con il termine anziana o altro. La  vecchiaia di Madam Rosà non ha niente di dolce, niente della soffusa luce di certi tramonti.
E’ vecchiaia. Dura, crudele .Vecchiaia che combatte ancora ogni giorno, come ha fatto tutta la  vita.
E Sophia si mostra a noi cosi.

La-vita-davanti-a-se-banner

Come solo una grande attrice ed una grande donna riesce a fare.
Vecchia, senza nessuna indulgenza senza nessun filtro. Intensa e verissima. Una donna col dolore vissuto tatuato su un braccio che sa ,per questo, riconoscerlo negli altri che incontra. Ribellioni e rabbia autodistruttiva compresa cosi che proprio questa viene vinta in Momo, il ragazzino quasi ancora bimbo che  grazie all’accoglienza e alla fiducia in lui di Madam Rosà imparerà ad amare.
E, soprattutto, a dimostrare questo amore provato.
Storia di amore e comprensione che  annullano e superano  ogni legame di sangue di fronte alle vicende della vita.
In cui “gli incubi  sono i sogni quando invecchiano” ma che nell’amore possono trovare una speranza.

loren a letto
Insomma, una grande prova di Sophia Loren, coraggiosa, forte e tenerissima. Intorno a lei  un cast  valido in cui spiccano “Momo” Ibrahima Gueye ,per la prima volta sullo schermo e  il  sempre carismatico Renato Carpentieri, l’anziano dottor Cohen amico sincero di Madam Rosà.

sophia-loren-la-vita-davanti-a-se-1024x683
Ma, al di là di ogni giudizio possibile sul film che qualcuno amerà così come altri meno,  è Sophia la luce di quest’opera .
Donna e attrice che con questo “La vita davanti a sé”  ci fa compiere  un salto temporale che unisce  il suo volto disperato ne la scena de “La Ciociara” a questo, oggi, provato e segnato dal dolore e dalla vita di Madam Rosa. In una prova di attrice straordinaria che difficilmente si dimentica.
Ricordandoci anche ch , come recita in una battuta del film :“E’ proprio quando non ci credi più che succedono le cose belle”.
Restituendoci, con questa storia, anche un pò di speranza dove non ne vedremmo.
E, di questi tempi, non è poco.

RegiaEdoardo Ponti AttoriSophia LorenIbrahima GueyeRenato CarpentieriMassimiliano RossiAbril ZamoraBabak KarimiIosif Diego Pirvu Durata94 Min DistribuzioneNetflix

CONDIVIDI

Profilo Autore

Milene Mucci

Milene Mucci. Nata il giorno della Befana ad Arezzo da anni vive a Carrara fra le Apuane e il mare . Scrive per Dols ( da anni) , per Huffington Post ed Exibart. E' Counselor Professionista formata in Aspic (Scuola Superiore Europea di Counseling Professionale) con specializzazione in Art Couseling ed e' iscritta alla Reico. E' insegnante di Metodo Caviardage di scrittura poetica. Conduce laboratori di scrittura e mediazione artistica per lo sviluppo delle risorse personali e la crescita personale, soprattutto relativamente all'empowerment femminile. Gia' impegnata in battaglie per i diritti civili con Ignazio Marino è membro della Fondazione "Antonino Caponnetto" ,che si occupa di lotta alle mafie ,cittadinanza attiva , legalita' e Costituzione. Sua e' la rubrica su Dols dal titolo "Donne si nasce assertive si diventa" ,occupandosi in particolare di empowerment femminile. E' attiva sul territorio con il Coordinamento Donne del 7 luglio Carrara. Ha due figli ormai adulti ed in giro per il mondo ed un gatto di nome Sheva che le fa da assistente e, per ora, e' ancora a casa.. :-)

Lascia un commento


tre + 2 =