Maestri d’avanguardia

0

Alcuni degli artisti più importanti del ‘900 italiano in mostra a Milano nella Galleria Bottegantica.

di Flavia Capudi Schenone

Grandi artisti italiani del XX secolo si possono ammirare in “Novecento Privato. Da De Chirico a Vedova”, la mostra allestita negli spazi della Galleria Bottegantica. Le trenta opere scelte provengono esclusivamente da due importanti collezioni private e “si legano tra loro in un dialogo appassionato in cui è privilegiato il rapporto tra le opere e gli artisti che le hanno create”, come dice Enzo Savoia che, con Stefano Bosi e Valerio Mazzetti Rossi, ha curato la mostra.

La visita attraversa il periodo dal post-impressionismo alle avanguardie di inizio secolo con il Futurismo di Marinetti, Boccioni, Balla, Severini; gli anni della prima guerra mondiale, il dopoguerra e gli anni Venti con Severini, De Chirico, De Pisis, Sironi, Casorati, Alberto Martini, Marini; il regime fascista e il secondo conflitto mondiale con Carrà, Campigli, Arturo Martini, Prampolini, Pirandello, Guttuso, Manzù; il periodo post-bellico tra le capitali europee e New York con l’avvento dell’arte astratta con Fontana, Burri, Capogrossi, Vedova, Pomodoro.

Per buona parte di questi artisti è un ritorno al passato perché erano già stati ospiti della Galleria del Naviglio di Carlo Cardazzo che, in questi stessi spazi, aveva avuto sede fin dalla sua inaugurazione avvenuta nel 1946.

“Novecento Privato. Da De Chirico a Vedova “
Milano, Galleria Bottegantica, via Manzoni 45
A cura di Stefano Bosi, Valerio Mazzetti Rossi, Enzo Savoia
Con la consulenza scientifica di Fabio Benzi
Dal 17 gennaio al 29 febbraio 2020
Orari: mar.-sab. 10-13; 15-19
Info: 02 35953308; 02 62695489; www.bottegantica.com
Ingresso gratuito
Catalogo Bottegantica edizioni

Maestri d’avanguardia Maestri d’avanguardia2 Maestri d’avanguardia3 Maestri d’avanguardia4 Maestri d’avanguardia5 Maestri d’avanguardia6

 

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


+ quattro = 5