Aspettando Bookcity 2019

0

Inizia il conto alla rovescia per la grande festa partecipata dei libri, degli autori, dei lettori e dell’editoria.

di Flavia Capudi Schenone

Dal 13 al 17 novembre 2019 si terrà l’ottava edizione di Bookcity Milano che coinvolge l’intera filiera del libro: editori grandi e piccoli, librai, bibliotecari, autori, traduttori, grafici, illustratori, studenti, professori, lettori occasionali e non di ogni età.
La manifestazione, che fin dalla prima edizione ha registrato un alto gradimento e una straordinaria partecipazione di pubblico, sarà dislocata in circa 250 spazi della città metropolitana; saranno presenti più di 3000 autori; 1500 gli eventi gratuiti; saranno coinvolte circa 1400 classi di scuole e 400 volontari.
Oltre al Castello Sforzesco, che rimane il cuore di BookCity, teatri, musei, scuole, università, biblioteche, palazzi storici, circoli, carceri ma anche case private ospiteranno incontri, dialoghi, presentazioni, mostre…
BookCity comincia già l’8 novembre e fino al 10 vedrà coinvolte le librerie nel promuovere eventi, incontri con l’autore e dando consigli utili per navigare il ricco programma degli eventi.
L’inaugurazione ufficiale di BookCity Milano 2019 avrà luogo mercoledì 13 novembre al Teatro Dal Verme. Ospite d’onore, il romanziere basco Fernando Aramburu, autore, tra l’altro di “Patria” e vincitore di un premio Strega Europeo nel 2018, che converserà con lo scrittore Paolo Giordano.
La serata conclusiva, invece, avverrà domenica 17 novembre al Teatro dell’Arte con un concerto dedicata a “Goethe/Schubert/Beethoven. Parole e musica”, eseguito da LaFil – Filarmonica di Milano, diretta dal Maestro Marco Seco.
Per saperne di più sul programma completo di BookCity Milano 2019, consultare il sito www.bookcitymilano.it | #BCM19 Facebook: BookCity Milano | Twitter: @BOOKCITYMILANO | Instagram: @bookcitymilano

 

bookcity1 bookcity2

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− sei = 1