De Chirico, il grande maestro del Novecento a Milano

0

 

A distanza di quasi cinquant’anni dalla precedente mostra dedicata all’artista, l’omaggio di Milano a Giorgio de Chirico si rinnova con un’esposizione di un centinaio di opere a Palazzo Reale.

di Flavia Capudi Schenone

Una straordinaria retrospettiva curata da Luca Massimo Barbero, promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, da Palazzo Reale, da Marsilio e da Electa, in collaborazione con la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e Barcor17.
La mostra racconta l’irripetibile carriera artistica del pittore, nato in Grecia, vissuto in Italia, poi a Parigi… Nei suoi dipinti, la chiave di lettura di una pittura ermetica che affonda le radici nella Grecia della sua infanzia, si evolve nella Parigi delle avanguardie, dà vita alla Metafisica che conquista i surrealisti.
Il notevole corpus di opere esposte (si tratta di soli capolavori dell’artista) proviene da importanti musei internazionali tra i quali la Tate Modern di Londra, il Metropolitan Museum di New York, il Centre Pompidou e il Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, la Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea (GNAM) di Roma, la Peggy Guggenheim Collection di Venezia, The Menil Collection di Huston e il MAC USP di San Paolo in Brasile. Numerose sono anche le istituzioni milanesi: il Museo del Novecento, la Casa Museo Boschi di Stefano, la Pinacoteca di Brera e Villa Necchi Campiglio.
Il percosso, che si snoda attraverso otto sale, gode di un efficace allestimento pensato per esaltare i dipinti metafisici, le geometrie delle piazze, le luci con spacchi nei muri, spigoli acuti nel bianco diffuso delle pareti. Anche le didascalie, ben leggibili, sono studiate per contribuire al piacere della visita.

de Chirico
A cura di Luca Massimo Barbero
Milano, Palazzo Reale
25settembre 2019 – 19 gennaio 2020
Orari: lun. 14,30-19,30; mar. merc. ven. e dom. 9,30-19,30;
gio. e sab. 9,30-22,30
Info e prenotazioni: tel. +39 02 92897740; www.dechiricomilano.it

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− uno = 7