Scritta anti Carola cancellata da un disegno.

1

Scritta anti Carola, disegno la cancella – Action painting di una writer sarda si trasforma in flash mob

Un segno artistico contro la violenza di genere: l’immagine di una bambina con un caschetto nero che abbraccia stretto stretto il mondo. E’ l’opera di arte pubblica e sociale che cancella la brutale scritta sessista e razzista contro Carola Rackete, la comandante della Sea Watch 3. Fino a oggi imbrattava il muro di un’azienda lungo la statale 195 che da Cagliari conduce Capoterra. “Una scritta che offende Carola e tutte le donne”, denuncia la portavoce di un collettivo di donne sarde che attrezzate di vernice, rulli e pennelli hanno deciso di mobilitarsi.

Da stasera quella scritta sparisce per far posto alla bellezza e a un messaggio di pace. Si è trasformata in un flash mob l’azione di action painting della writer sarda Nina Castle. “All’odio e alla violenza rispondiamo con un abbraccio e con messaggio che vuole sottolineare la necessità e l’urgenza di prendersi cura dello spazio urbano e di chi lo abita, aldilà delle etnie e dei generi”, spiega.

L’artista ha così creato un’opera con colore acrilico bianco, nero e rosso che nasce spontaneamente, ma è destinata a lasciare tracce nel tempo. Un’azione poetica che si sottrae allo scontro e alla polemica per trasformare una superficie sporcata da parole ingiuriose in un segno di bellezza.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

1 commento

Lascia un commento


+ due = 5