Margherita Torretta una storia di coraggio

0

Dalla sfortuna al successo con tanto coraggio. 

Mi chiamo Margherita Torretta e sono una pianista concertista italiana residente a Londra.
Ho 32 anni, seguo il vostro magazine e vi ringrazio per gli articoli interessanti che pubblicate.
Avrei molto piacere a condividere con voi la mia storia, forse un pò travagliata ma anche, posso dire ora, meravigliosa.
A 18 anni sono sopravvissuta a un incendio domestico che mi ha causato ustioni gravissime alle gambe e al collo, fino a 23 anni non ho condotto una vita se posso dire “normale”, sono stata ricoverata in ospedale a Parma diverso tempo.

Non potendo camminare, l’unica cosa che mi faceva
sentire di nuovo “viva”era lo studio del pianoforte che ho intrapreso seriamente all’età di 19 anni conseguendo con lode gli studi al conservatorio di Piacenza, Milano e un master nella Svizzera Italiana, per poi suonare come concertista in tutta Europa, fino agli Stati Uniti e Giappone.

A Londra ho avuto l’immensa fortuna di lavorare con la celebre fotografa Sophie Mayanne con la quale sto promuovendo il progetto mondiale “behind
the scars” (attivo sui più importanti giornali e TV) a supporto delle donne che hanno subito traumi fisici e psicologici. Mesi fa abbiamo girato un film di pochi minuti in cui racconto la mia storia e mostro le mie gambe per quello che sono.

Inoltro qui il video, girato dal regista Duncan Blair:

Nella pagina del canale trovate anche le mie performance e concerti,
allego qui anche il mio website.

https://margheritatorretta.com/

Spero che questo possa interessare il vostro lavoro, di certo mi aiutereste molto a diffondere questa storia che finalmente ho avuto il coraggio di raccontare dopo tantissimi anni, e che spero possa essere di aiuto a tante persone in difficoltà; mai arrendersi.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


3 − = due