Come e perché creare rete fra le donne

2

Carina Fisicaro intervista Caterina Della Torre

Ho conosciuto Caterina, tramite fb, ho guardato subito il sito di Dol’s Magazine, e li è stato amore, ho intravisto la passione e la voglia di Caterina d’aiutare le donne, sia riguardo al lavoro ma anche la voglia di creare la rete fra le donne, cosa che grazie al forum di dols , piano, piano sta riuscendo.

Ti invito a iscriverti così puoi avere la opportunità d’incontrare quelle donne che altrimenti sarebbe impossibile.
Che donna ho visto in Caterina?

Forte, sicura e determinata, io la chiamerei “Donna Azione” , quando decide di fare una cosa, la mette subito in atto.
Racconto un po’ la sua storia ..

 

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

2 commenti

  1. francesca licari on

    buongiorno
    mi chiamo francesca licari

    Dipingo e scolpisco, ma scrivo anche opere teatrali, prevalentemente a
    tematica socio-culturale.
    Il mio corto che qui alleghiamo, “fiore di maggio”, che è una pièce
    dell’omonima opera teatrale,è  dedicato a felicia , mamma di peppino
    impastato, ucciso dalla mafia;
    è stato trasmesso il 5 gennaio scorso
    sulla radio 100 passi, fondata da peppino nel 77.
    si propone, non solo di condannare ogni forma di violenza, ma di
    evidenziare il coraggio delle donne semplici, quelle donne che pur
    vivendo in contesti emarginati, riescono a crescere i propri figli
    lontani da ogni realtà criminosa e con sani principi.
    È dedicato alla cultura, che è stata messa da parte  e agli artisti
    che hanno pagato amaramente e continuano a pagare ,questo grave
    momento storico.
    Il teatro, sicuramente educa alla non violenza e crea sensibilità e
    consapevolezza, è perciò necessario che esso venga introdotto nelle
    scuole, sin dalle elementari, come disciplina scolastica “obbligata” .
    Indubbiamente contribuirà a dare una nuova visione  e maggiore
    interesse, verso tutto quello che riguarda l’arte e la cultura
    Oggi, più che mai, le nuove generazioni avranno bisogno di bellezza e
    di armonia, perché è indubbio che questo grave momento si ripercuoterà
    maggiormente su di loro, con gravi rischi consequenziali
    Certamente , la tecnologia, avrà un ruolo importante nel futuro, ma
    l’arte e la cultura, non dovranno assolutamente ricoprire un ruolo di
    secondo piano ed è nostra responsabilità affinché questo non accada.
    Che ruolo ricopre il teatro nelle scuole?
    –         Le opere letterarie , classiche e non, previste dal
    programma scolastico (divina commedia, odissea, eneide,  promessi
    sposi, letteratura straniera…), oltre ad essere materia di studio,
    potranno essere recitate dagli studenti. avranno una maggiore
    comprensione e consapevolezza delle opere e certamente rimarrebbero impresse
    Facilita l’integrazione
    Serve da supporto psicologico
    Dà maggiore sicurezza
    Contribuisce ad una maggiore presa di coscienza di sé stessi
    Tiene lontani le nuove generazioni, da contesti criminosi
    Facilità gli incontri e la comprensione ,fra le diverse etnie
    Facilita le relazioni interpersonali
     Dà maggiore sicurezza e aiuta a vincere la timidezza
     Combatte il bullismo
     Suscita, automaticamente, fra i giovani maggiore interesse, verso
    tutto ciò che arte e cultura
    i bambini delle scuole elementari,conosceranno il teatro, attraverso i
    personaggi delle favole e i personaggi  che hanno lasciato il segno,
    nella vita (anche le vittime di mafia), con l’utilizzo del  teatrino
    ed i personaggi di cartapesta e burattini.
    Tutto questo ma anche tanto altro, ancora
    Avrà un importantissimo ruolo, in questo imprevisto e pieno di domande
    senza risposta, cambiamento epocale, perché, CON ASSOLUTA CERTEZZA,
    contribuirà a  farci rimanere UMANI ..

    gli artisti , di appurata professionalità
    e curriculum, che sono stati costretti a chiudere le proprie scuole di
    danza e teatro e senza nessuna speranza di poterle riaprire., saranno
    i suoi insegnanti
     dare a noi artisti silenziosi, che non abbiamo nessun punto di
    riferimento, se non la propria dignità, ciò che ci  spetta di diritto,
    soprattutto a chi come noi, spesso opera, non a scopo di lucro , ma
    solo per amore dell’arte, impegnata nel sociale.
    fare partire una petizione di tale importanza, non può che
    riempirci di orgoglio e dimostrare la giusta sensibilità, verso una
    categoria, poco e niente, tenuta nella dovuta considerazione e non
    solo in questo periodo di emergenza sanitaria.
    è inutile sottolineare di quanto il vostro supporto, sia
    indispensabile.

    Con la certezza di un vostro solidale riscontro
     distinti saluti
    Francesca licari
    Tel 3396133972
    p.s.
    vi invito alla visione del nostro corto, che caparbiamente, parla di
    poesia…nonostante tutto
    qui dal link della radio di peppino, -100 passi –
    https://www.facebook.com/rete100passi/videos/458963715098292
    qui da youtube
    https://www.youtube.com/watch?v=xEBBfOqPvi4&t=154s

Lascia un commento


nove + 8 =