Quando la poesia finisce

2

Poetessa  diventata romanziera, parla del ”male” della nostra società.

Ilaria Palomba ventiquattrenne barese. Ha scritto tre libri, di cui solo l’ultimo è un romanzo, mentre gli altri sono tutti libri di poesie.
Ha fatto un percorso di studi un po’ particolare: dopo aver studiato Filosofia  a Bari, si è iscritta al centro di scrittura  Omero a Roma, dove vive attualmente. Ha fatto il secondo ed il terzo livello insieme rivolti maggiormente al romanzo. E così è nato il suo primo libro.

Qui l’audio della prefazione dell’ intervista di  Ilaria  Palomba

”Fatti male”  Gaffi editore è il titolo del tuo ultimo libro. Ce ne parli?
E la storia di violenza psicologica subita da una ragazza di 19 anni da parte  di  un’uomo molto più adulto che la convince a fare  azioni anche molto spinte a livello erotico. Ma i suoi fini non sono solo sessuali e lo si capisce alla fine della storia . Lui è un personaggio ambiguo, a volte inquietante e lei la classica ragazza un conflitto con  la famiglia. Lei cerca attraverso la molte esperienze vissute di liberarsi. Ma la droga e le attivutà  illegali che commette con  Marco (il protagonista) la legano sempre di più a questo uomo psicologicamente. Tuttavia lei ha un’arma dalla sua parte: il suo cinismo. E’ sempre molto accondiscendente apparentemente ma dentro di sè una cattiveria latente che l’aiuteranno poi a liberarsi dalle catena  sessuali e mentali…

Da dove hai presol’ispirazione per questo libro?
Le situazioni sono realistiche e per questo ho cambiato molti nomi. Sono storie che mi hanno raccontato e così ho scoperto che molte delle mie colleghe universitarie avevano avuto storie con uomini più maturi che le sfruttavano psicologicamente e sessualmente. Alcune, le più furbe, si pagavano  poi gli studi.

Quindi è molto frequente questo fenomeno in Puglia?
A Bari ma nei paesi ancora di più, spesso ci si droga per noia.

Pensi che molte giovani donne, non trovano di  meglio che utilizzare scorciatoie sessuali invece di pensare a crearsi un’attività lavorativa?
Le adolesenti si innamorano spesso uomini più adulti che poi finisconono per manipolarle. Poi una volta intrapresa la via dell’ illegalità, queste ragazza si perdono e riportarle a lavori leciti e legali non è facile.

Cosa consiglieresti per superare questo problema?
Domanda difficile. Forse la prima cosa è guardarsi dentro e cercare per capisi e di focalizzare i propri obiettivi.

Progetti per il futuro?
Sto scrivendo un libro e ne ho un altro in elaborazione.

Ma tu che lavoro vuoi fare per sostenerti, scrivere non paga.
Vorrei aprire dei laboratori di scrittura per le persone con danni psicologici.

Pensi che le donne siano più attente al disagio ed alla disabilità?
Non lo so. Mio padre è psichiatra e quindi uomo. E mia madre cardiologa. Loro avrebbero voluto facessi il medico. Capiscono che con la scrittura non è facile vivere. Ma con l’impegno è possibile trovare degli impegni lavorativi. Per adesso ho lavorato con un regista. Poi vedremo….

 

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

2 commenti

  1. Ottimo lavoro . Giovanii donne così andrebbero aiutate perchè dicano la loro e illuminino gli altri giovani.. A chi può essere diretto il libro ? Ai giovani o ai loro genitori ?

Lascia un commento


− 1 = cinque