Silent Souls

0

di Caterina Della Torre

Diretto da Aleksei Fedorchenko.

Un film che vuole esprimere il valore  della vita e della morte innalzando un inno all’amore  che conduce all’immortalità. Infatti l’ultima frase del protagonista è:”Tolko ljubov ne imeet konza”, solo l’amore non conosce fine.

Il titolo originale in realtà è “Ovsjanki” (Silent souls), come  gli ultimi Merja di Russia , una popolazione ugro finnica, assorbita dagli slavi, chiamano le loro donne.

Miron,  proprietario di una cartiera, uno dei due protagonisti principali,  alla morte dell’amata moglie Tanya, prega  un suo fidato dipendente, Aist, fotografo e scrittore, di accompagnarlo per compiere il rito di addio, secondo le tradizioni della cultura dei Merja.

I Merja, sono scomparsi da 400 anni e di questi sono rimasti solo il nome dei fiumi e un legame atavico che lega i suoi eredi alle acque, tanto da accompagnarli anche nella  morte

Il viaggio sarò colmo di ricordi e particolari intimi della defunta, ”fumo” come li chiamano i Merja, e di immagini di quella deserta landa della Russia centrale.

Il film  prende spunto da un racconto di Aist Sergeyev, The Buntings, in cui il protaginista parla dopo aver varcato le soglie della vita.
Un  racconto tenero, di una nostalgia struggente, accompagnato dal cinguettio di due uccellini tenuti in gabbia, gli ”zigoli” che al momento dell’estremo saluto alla defunta vengono lasciati  liberi decretando la fine stessa dei protagonisti.

Silent Souls, una storia triste, melanconica, talvolta inquietante, ma il ritorno alle origini primordiali dell’acqua dei fiumi, colma il cuore dello spettatore di vibrante serenità.

Leggi anche l’intervista all’autore.

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


6 + = quindici