Il Femminile ci salverà?

0

Le donne sono da apprezzare per l’ approccio alla vita, il saper cogliere il senso di quanto si sta vivendo prima ancora del suo significato.

Siamo costretti in un mondo intriso di Energia Maschile che sta implodendo su se stessa. Potere, Aggressività, Prevaricazione (uso volutamente la lettera maiuscola) sono gli aspetti d’ombra di qualità energetiche del Maschile quali Potenza, Azione, Determinazione che, male orientate, si sono trasformate in mine , pronte a farci saltare in aria tutti assieme. Non credo che ci sia la possibilità di  salvarsi cercando di ripercorrere la strada all’inverso, non basterebbe, non servirebbe, perché l’Energia del Maschile presto ricadrebbe in ombra. Sarebbe solo un tentativo di ritardare la fine, di mettere una toppa. Ma, secondo me, una soluzione per salvarci tutti ci sarebbe. E la immagino guardando noi donne. Stimo molto noi donndonne5e, il nostro approccio alla vita, il nostro saper cogliere il senso di quanto stiamo vivendo prima ancora del suo significato, la nostra tendenza a unire, collegare, mettere insieme ciò che è apparentemente distante; amo il nostro essere vaso che si riempie di quello che ci vive attorno e che accoglie in sé ogni altro da sé, restituendolo al mondo esterno senza cercare di cambiarlo ma avendone rispettato la natura.

Mi emoziona l’empatia che ci fonde in un’eco di fili invisibili e il nostro saper mettere il cuore nel cuore dell’altro, quel continuo essere una e poi due e poi tutti e ancora una, trasformata da quel viaggio nella dimensione interiore di chi è altro da noi. Ho conosciuto alcuni uomini che sono così e, quando ne incontro uno, provo molto amore per lui perché non è facile essere un uomo con un’ Energia Femminile ben sviluppata, non è facile ma, quando avviene questo miracolo, allora aumentano le speranze che il mondo si salvi. Perché gli uomini sono i primi responsabili della distruzione, quegli uomini che ignorano una parte di sé, quella che attinge al loro Femminile, appunto. Ben sappiamo che ciascun essere vivente, indipendentemente dal suo sesso biologico, ha in sé le due componenti energetiche complementari, quella femminile e quella maschile. Non si tratta di due poli in opposizione, ma di due forze energetiche sinergiche, ambedue indispensabili per uno sviluppo armonico dell’individuo. Tutto in natura è sottoposto all’inevitabile presenza di un dualismo: non ci sono inspirazione senza espirazione, sistole senza diastole, giorno senza notte, buio senza luce e così via. Ma troppo spesso la nostra cultura o i nostri sistemi educativi e sociali hanno insistito sull’opposizione tra ciò che si presenta duale, mettendone in luce le differenze reciproche, quasi a voler sottolineare l’inevitabilità di una lotta, di un conflitto, di una competitività. Opposizione che ha come obiettivo la vittoria dell’uno e la sconfitta dell’altro. L’energia maschile (per il Tao lo yang) si muove verso l’esterno a dar vita alla manifestazione e all’azione; ne sono espressione, tra l’altro, la razionalità, il distacco, la volontà, l’idealismo, il giudizio. Quella femminile (o yin) è orientata invece verso l’interno, verso il contatto con l’interiorità propria e altrui. Ne sono espressione l’emotività, l’affettività, l’empatia, la creatività, l’intuizione, l’ascolto, l’accoglienza, l’inclusione. Non possiamo crescere senza l’una e senza l’altra componente energetica e dovremmo tendere alla fusione dei due poli, ma troppo spesso ce ne dimentichiamo e tendiamo a lasciare i doni del Femminile ai margini, quasi fossero una forza da tenere ben nascosta perché, comunque, improduttiva. Solo così si sviluppa la nostra capacità di avere una nuova e diversa percezione di noi stessi e degli altri: è più semplice vivere di ripetitività, abitudini, cliché e schemi che ci trasciniamo nel tempo senza avvertire che qualcosa è cambiato. Facciamo finta di non accorgercene e continuiamo a “viverci” come abbiamo sempre fatto, protési nelle maschere della nostra Personalità, dimenticando di stare in ascolto di quella voce che sa, la voce del nostro Sé.

Ma l’equilibrio cui ciascuno di noi dovrebbe tendere è la fusione, la complementarità dei due poli, quella che permette a ognuno, maschio o femmina che sia, di rapportarsi alla vita sapendo manifestare all’esterno ciò che ha trovato dentro di sé. La donna ha imparato a farlo, forse spinta dalla posizione sottomessa che ha subito nei secoli e che l’ha costretta a conquistarsi la sua completezza. L’uomo, sovrano contratto nella sua paura di perdere il Potere, non ce l’ha fatta ancora ad attingere all’espansione per raggiungere la sua interezza ed ha sparpagliato una parte importante di sé nel corso della storia, nello Spazio e nel Tempo. Ha fallito perché quando non si è interi si hanno meno energie e meno risorse a disposizione e il mondo che ha governato si sta spegnendo. Sarebbe ora che la vita del sociale e del pianeta fosse affidata alle donne. L’uomo deve scegliere se crescere oppure no: non so se faccia ancora in tempo ad abbandonare la sua perenne adolescenza che lo spinge a distruggere e a osannare ogni forma di competizione, ma so che se riuscisse ad accettare di includere e sviluppare anche la sua componente energetica femminile forse il mondo potrebbe ancora farcela. Ed io potrei dire che stimo gli uomini, il loro approccio alla vita, questo loro cogliere il senso di quanto stiamo vivendo prima ancora del suo significato, la loro tendenza a unire, collegare, mettere insieme ciò che è apparentemente distante. Per ora sembra un lungo ossimoro ma io amo gli ossimori…chissà.

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

susanna garavaglia

Susanna Garavaglia, da sempre attenta ad una visione Olistica della vita studia e diffonde la trasformazione del futuro, ora anche dal suo B&B nel bosco. Con Dede Riva ha dato vita al Manifesto Progetto Creatività, Via Femminile alla Trasformazione, firmato da esponenti della cultura di tutto il mondo. Ha pubblicato con Tecniche Nuove La Scrittura dell'Anima, Diario di Psicosomatica, L'anima del Successo, 365 Pensieri per l'Anima . Con Stazione Celeste Stavolta sarò Femmina, con ilmiolibro.it Senza radici dove voli? Con Anguana Edizioni insieme a Devana “Sciamane. Storie, canti e risvegli di anziane sedute in cerchio”, con Giovanna Tolio e altri autori “Amicizia (nuova energia di evoluzione)”, Leone Editore.

Lascia un commento


+ due = 9