La scrittura mi aiuta a vivere

0

Voci in una stanza di Enrica de Palma

Attraverso la scrittura racchiudo nei miei lavori pensieri, ricordi e atmosfere della mia infanzia e giovinezza, per tenerli vivi e trasmetterli a chi vuole condividerli con me. Così facendo tramando un patrimonio familiare che viceversa andrebbe perduto.

voci-libroEsordisce così Enrica de Palma, elegante professoressa e storica in pensione, parlando di ‘Voci in una stanza’, il libro edito da Pagnini, che è un omaggio alla città di Roma nella quale vive ormai da circa mezzo secolo.

Diventata nonna, ha scoperto il valore della scrittura e per i suoi nipotini ha scritto la storia della famiglia materna con l’obiettivo di rinvigorire le radici del loro albero della vita perché ‘le cose che non ci sono più’ – come lei stessa sottolinea – continuano a vivere nel ricordo. Ma non si è fermata qui, ha continuato a scrivere storie delle più disparate, tutte aventi il fil rouge dell’amore.

Con ‘Voci in una stanza’ l’autrice racconta la saga di una famiglia romana e ripercorre un secolo di storia testimone in parte di mutamenti sociali e culturali che forniscono un ritratto narrativo di un’epoca nella quale scampoli di vita e ricordi si rincorrono come fotogrammi tra emozioni, affetti, delusioni, gioie, dolori e amori.
La vita di quattro generazioni si lega agli eventi che dai primi anni del ‘900, i tempi della Belle Epoque, attraversano i due conflitti bellici, l’occupazione tedesca di Roma, la lotta partigiana, la contestazione giovanile del ’68, gli anni bui del terrorismo e le stragi. L’ambientazione è in un villino Liberty del 1911 immerso nel verde del quartiere Parioli, nel quale le voci dei personaggi si rincorrono tra le stanze ed il giardino per raccontare una storia che arriva fino negli angoli più reconditi delle pieghe di un intimo sentire.
Nel corso delle vicende narrate – Enrica de Palma – illustra molto fedelmente il mutare dei costumi, lo sviluppo della cinematografia, le conquiste tecnologiche dell’elettricità, telefono, radio, informatica, sino allo sbarco sulla Luna. Ma anche l’espansione dell’urbanistica e dell’architettura di una Roma che alterna stili differenti tra loro: dal Liberty del 1910 all’architettura razionalista e di regime sino alle nuove espressioni stilistiche di Zevi, Portoghesi e Piano.

‘Voci in una stanza’ è un libro che appassiona e che si divora in men che non si dica per lo stile avvincente, l’eleganza narrativa e le delicate atmosfere che suscita.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Mariella Colonna

Mariella Colonna - giornalista professionista, laurea in Lettere moderne e master in Pubbliche relazioni. A lungo nelle redazioni di Barisera e de Il Quotidiano della Basilicata di Matera. Per la testata online Affaritaliani.it gestisce il blog 'la Colonna Infame'. Si è occupata di comunicazione istituzionale per la Regione Puglia, Unioncamere, Cineham, Comune di Alberobello. Esperienza pluriennale nella comunicazione web con progetti europei con la Camera di Commercio di Bari ed alcune Fondazioni. Dall’insediamento del Parlamento europeo del 2009, al quale il Trattato di Lisbona conferisce poteri di co-decisione, ha collaborato con le Commissioni Cultura e Bilancio e con l’intergruppo Sky&Space per interlocuzioni con competenti Direzioni generali della Commissione europea per la presentazione, definizione e approvazione di progetti elaborati di concerto con gli organismi pubblico/privati e società. Communication manager e startup di Boscolo Hotels Bari. Docenza in ‘Comunicazione scientifica’ per la facoltà di fisica dell’università di Bari. Ha collaborato con Rai2/Voyager. Attualmente coordina l'ufficio stampa della Scuola di Medicina dell'università di Bari.

Lascia un commento


sette − 4 =