Economia circolare

0

L’economia circolare può rappresentare uno strumento efficace per gestire in maniera più efficiente le risorse ambientali di cui possiamo disporre.

dalla newsletter di Patrizia Toia

Le risorse naturali della terra sono limitate e l’aumento della popolazione e la diffusione
del benessere ai Paesi in via di sviluppo ci costringono imparare a vivere, produrre
e consumare in modo diverso. Per questo l’economia circolare, la capacità di produrre
“dalla culla alla culla”, è oggi l’unica economia possibile. Non si tratta di adottare qualche piccola attenzione all’ambiente o di dare una verniciata di verde al “business as usual”.
Si tratta di ripensare completamente tutte le fasi del nostro sistema di produzione e consumo: dall’estrazione delle materie prime, alla fase di progettazione del prodotto, alla produzione, distribuzione e consumo e successivamente alla fase di riparazione, rigenerazione e riutilizzo. Non ci sono dubbi sul fatto che in futuro la scarsità di risorse naturale ci spingerà i questa direzione, quello che è da determinare però è il prezzo che dovremo pagare, o che dovranno pagare le generazioni future per questo cambiamento.

Oggi per l’Europa scommettere sull’economia circolare significa garantire la sostenibilità
dell’industria ma anche la competitività. Il caso Volkswagen dovrebbe averci insegnato
una volta per tutte che quando la politica non è in grado di indicare con fermezza degli obiettivi e non è in grado di farli rispettare a farne le spese è quella stessa industria che
si cerca di assecondare nel breve periodo.

La politica, soprattutto quella europea, deve avere il coraggio di guardare avanti, di ragionare in termini di generazioni, e di indicare la strada su cui poi le politiche nazionali, le aziende e i cittadini faranno le proprie scelte.
Per questo al Parlamento europeo non abbiamo accettato l’affossamento della proposta
sull’economia circolare da parte della Commissione, in nome della semplificazione
normativa, e ora stiamo lottando per arrivare ad un testo ambizioso.

Leggi qui tutto economia_circolare

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


sei + = 14