Ho sposato un narciso (2). Di Umberta Telfener

0

di Cinzia Ficco

(precedente)

Due sarebbero le cause. “Le prime esperienze di attaccamento- chiarisce- sono state spesso molto intense, ma in qualche modo improvvisamente, traumaticamente interrotte o deteriorate (per una separazione improvvisa, una morte, per la nascita di un fratello o di una sorella più amati o molto bisognosi di cure), per cui si è minata la fiducia di fondo e si è persa all’improvviso una relazione di attaccamento intenso e sicuro. Oppure, sembra che siano stati molto amati dalla madre, ma a condizione che fossero esattamente come li si voleva, amati sub conditione ad un adattamento a valori-modelli non scelti da loro, bensì imposti in maniera non esplicita: in tutte le famiglie dei narcisi si ha la sensazione, quindi, di trovarsi di fronte a genitori che vedono il figlio come quello che vogliono vedere e non come è realmente”. Pertanto, se i narcisi cercano figure di riferimento per ripristinare la fusione persa, dall’altro lato non riescono ad avere la cosiddetta costanza dell’oggetto. Cercano la simbiosi, ma ne hanno terrore, perché quando si lasciano andare diventano fragili e loro non sopportano di essere visti senza protezione.

L’autrice afferma: “Insospettitevi quando una persona vi accusa pesantemente e si chiama fuori dal gioco, e non vede la sua parte in esso. Quando più banalmente, state guidando, il vetro si appanna e il vostro partner si premura di pulirlo, ma solo dalla sua parte. Insospettitevi quando un uomo vi fa sentire una regina per un certo tempo, ma un giorno cambia d’improvviso: vi critica aspramente o sembra non accorgersi più di voi. Quando siete per strada con un uomo che cammina sempre alcuni passi più avanti. Quando, qualsiasi gli proponiate, dice inizialmente di no, per il solo fatto che non l’ha proposto lui. Ma i segni di riconoscimento non sono tutti cosi negativi. Insospettitevi anche quando un uomo vi sembra troppo simpatico, galante, intelligente, spiritoso”.

Ma cosa fare se si sposano questi uomini, contraddistinti anche da una certa gelosia e da un alto senso del dovere, oltreché, come si è detto, dall’idealizzazione e dal bisogno di alternative? La docente elenca una serie di consigli. Imparare a tenere uno spazio tutto per sé, non affidare loro il proprio valore, non renderli dei mostri ai nostri occhi, non prenderli troppo seriamente, non spingerli a far sempre le cose insieme, rassicurarli e gratificarli, non rassicurarli completamente, non opporsi e non confrontarli, coccolarli, accudirli, ricordarsi che hanno un problema con l’intimità, che spesso provocano per fare arrabbiare l’altro e solo per avere conferme, proporre loro cose da fare, non farsi scoraggiare dal primo “no”, annaffiare il loro ego, non presentare loro il mondo prima che lo chiedano, non prendere troppo seriamente le loro cupezze, non pressarli sulle pretese d’amore. Insomma, un po’ come dire: snaturarsi, almeno per alcune, per le quali stare con un narciso diventa davvero una missione.

Ma la curiosità viene da sé: perché li si sceglie e chi sono le donne dei narcisi? Per Telfener non ci sono dubbi: “Si tratta di donne idealiste, che sperano di tornare all’intensità dell’inizio e non si danno pace perché questo non accade. Le donne dipendenti, che rimangono impigliate nell’ambivalenza del compagno. Le donne che si aspettano la delusione, tendenzialmente depresse. E quelle poco consapevoli dei giochi psicologici in atto, che passano attraverso le cattiverie e i rifiuti come se niente fosse”.

Nel libro sono anche indicati i sistemi per tagliare la corda e lasciare in modo definitivo questi partner che, sottolinea la docente, non si dimenticano facilmente.

Ma la “guarigione” è ipotizzabile? Possono queste persone imparare ad amare davvero? Se si pensa al mito, difficile immaginare un cambiamento totale. La passione amorosa di un narciso non è altro che una sua proiezione. Anzi, è il vuoto rimirarsi in uno specchio in maniera ripetitiva. Pensiamo al mito. Il giovane bello, che respinge Eco, sarà condannato da Artemide a innamorarsi della sua immagine e quindi a innamorarsi senza essere riamato, senza poter ricevere un riconoscimento da parte di una persona differente da sé. E allora? Si provi con le strategie di questo libro.

Nell’ultima parte, anche il narcisismo “rosa”, un po’ diverso, ma altrettanto interessante da scoprire.

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


due + 1 =