Ringraziare è un dono

0

Ci sono parole come Grazie che aiutano il mondo a rinnegare la violenza: tutti dovremmo diffondere la cultura del ringraziamento come strumento di pacifico equilibrio tra noi esseri-nel-mondo.

Durante le interviste si sente spesso pronunciare una frase per cui il personaggio dello spettacolo ringrazia chi ha permesso il realizzarsi del suo successo, in un diverso contesto durante il telegiornale una madre ringrazia pubblicamente il medico per aver salvato la vita al proprio figlio. Il grazie non è solo una parola dettata dalla buona educazione, ma un termine che va oltre le regole per rimandare ad un significato profondo. Quando diciamo grazie riconosciamo qualcosa di importante, diamo valore al buono, al prezioso, al “dono” che qualcuno ci ha fatto. Nel ringraziamento l’altro è importante, gli riconosciamo un ruolo fondamentale nella nostra vita e con questa azione diamo valore anche a noi stessi.

Uno dei più grandi filosofi della filosofia occidentale e studioso dell’interiorità fu Socrate, vissuto cinque secoli prima di Cristo, ci ha dato un grande esempio dell‘essere grati verso un altro essere umano. Ancor più perché la persona in questione era di sesso femminile e, considerando l’epoca, questa fu una testimonianza di grande impatto culturale. Mi riferisco al celebre dialogo Simposio scritto dal discepolo Platone. Lo scritto tratta il tema dell’amore universale dove durante un banchetto si celebra Eros, la sua nascita e le sue molteplici manifestazioni. Socrate nel dialogo dice che: “Il discorso su Amore che una volta ascoltai da Diotima, una donna di Mantinea, la quale era sapiente in queste e in molte altre cose – e una volta, in occasione di un sacrificio prima della peste, agli Ateniesi fece ritardare di dieci anni l’epidemia; ed è proprio lei che mi istruì sulle cose d’amore”. Diotima, dunque una donna, fu colei che fece dono al filosofo della conoscenza dell’amore, ricordandola con gratitudine egli riconobbe pubblicamente il valore del dono ricevuto e con questo riconoscimento disse un grazie eterno giunto fino a noi. Un grazie divenuto incontro con il sentimento più alto a cui un essere umano possa ambire. Non possiamo che essere grati ed essendolo abbracciamo un modello di vita ecocompatibile, solo lasciando vivere l’amore nelle nostre relazioni saremo portati a non inquinare, a non prevaricare, a non farci la guerra… a vivere in pace perché sotto l’egida di Eros.

Purtroppo non sempre le persone ringraziano, per alcuni il grazie è superato. Forse si crede che dicendo grazie ci si possa mettere in una condizione di subalternità, invece questa parola pone in luce una dote fondamentale come l’umiltà. Chi è umile non è sottomesso, anzi è una persona in grado di riconoscere i propri limiti e per questo è un essere umano sulla strada della crescita. Ringraziare è un antidoto naturale contro l’arroganza, ringraziare è andare incontro all’altro, è guardarsi negli occhi per dialogare, è vivere un contatto reale. Ringraziare è un rendere omaggio a chi ha saputo riconoscere la nostra capacità. Ringraziare è quindi una parola che esclude ogni forma di aggressività: è un dire no alla violenza, è dichiarare di essere una persona che richiede e dà rispetto. Ringraziare è un dono, il più grande.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Maria Giovanna Farina

Maria Giovanna Farina si è laureata in Filosofia con indirizzo psicologico all’Università Statale di Milano. È filosofa, consulente filosofico, analista della comunicazione e autrice di libri per aiutare le persone a risolvere le difficoltà relazionali. Nei suoi testi divulgativi ha affrontato temi quali l'amore, la musica, la violenza di genere, la filosofia insegnata ai bambini, l'ottimismo e la scelta. Studiosa di relazioni umane, è autrice di numerosi articoli e di interviste anche in video fatte ad alcuni tra i più noti personaggi della cultura e dello spettacolo. Impegnata contro la violenza, ha contribuito a far inserire la parola Nonviolenza, in un'unica forma verbale, nella Treccani.it il suo sito www.mariagiovannafarina.it

Lascia un commento


1 + otto =