Io resto a casa

0

Un refrain che ormai è da giorni su tutti i canali, i giornali, sulle mail. Ma cosa vuol dire per noi nella realtà di ogni giorno?

Siamo ormai da giorni confinati a casa per combattere e si spera presto configgere il virus Covid19, Le restrizioni alla nostra mobilità  sono cominciate gradualmente su tutto il territorio nazionale l’11 marzo e sarebbero dovute finire il 25 dello stesso mese, ma purtroppo sono state prolungate fino a data da definirsi  sia per le persone fisiche che per le aziende che non producono beni essenziali (e altre che sono sottoposte a  deroghe)

Il decreto ”Io resto a casa” ci ha in un certo qual senso, immobilizzato e messo di fronte ad una  realtà per noi insolita: rimanere in casa con la nostra famiglia o da soli per un tempo prolungato, salvo le uscite consentite per fare la spesa, portare fuori il cane, andare in farmacia, andare al lavoro se indispensabile oppure lavorare in remoto.

Il tempo che prima dedicavamo agli spostamenti viene annullato ma emergono spesso altre criticità. E’ per questo che abbiamo voluto intervistare alcuni amici o conoscenti di dol’s  che approfittano del nuovo tempo libero concesso loro o cercano di contrastare questa emergenza che  li mette soli davanti a se stessi e alle loro occupazioni.

Le domande saranno più o meno simili per tutti, ma alcune verranno implementate a secondo delle professioni da loro svolte nella società civile. Non abbiamo voluto usare video o podcast, vista l’inflazione di questi sui social media.

Leggi qui

 

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


− quattro = 4