Emilio Vedova a Palazzo Reale a Milano

0

Inaugurata a Palazzo Reale una straordinaria mostra monografica dedicata al grande artista veneziano.

di Flavia Capudi Schenone

Una mostra spettacolare, curata da Germano Celant e allestita secondo il progetto dello Studio Alvise Kirimoto di Roma in Sala delle Cariatidi, è in corso a Palazzo Reale fino il 9 febbraio prossimo per celebrare Emilio Vedova in occasione del centenario della sua nascita.
Il progetto di allestimento ha previsto un intervento ambientale nella Sala con la costruzione di un alto muro grigio lungo più di 30 metri che l’attraversa diagonalmente dove sono esposte, sia a muro sia a pavimento, una sessantina di opere, tra cui tondi e sculture. Per l’occasione, le imposte delle grandi vetrate verso il Duomo, sono state eccezionalmente aperte per amplificare l’effetto scenografico delle installazioni che non manca di stupire.
L’itinerario biografico e professionale dell’artista veneziano (1919-2006) è stato ricostruito nella Sala del Piccolo Lucernario che precede l’ingresso a quella delle Cariatidi dove, invece, la mostra è scandita dai segni del percorso umano e artistico del pittore: dai primi anni del figurativo e del geometrico ai grandi temi delle immagini del tempo, dai tondi ai dischi, dalle solide strutture alle vaste composizioni pittoriche.
Dunque, un’immersione totale nell’universo intenso e spettacolare di uno dei più autorevoli artisti del ‘900, cui la Fondazione Emilio e Annabianca Vedova con Marsilio Editori, dedicherà, in concomitanza con la mostra di Palazzo Reale, una monografia, curata da Germano Celant, sulla vicenda artistica e biografica del pittore veneziano.

“Emilio Vedova”
Milano Palazzo Reale-Piazza Duomo 12
6 dicembre 2010 – 9 febbraio 2020
Orari: lunedì 14.30 – 19.30; mar. merc. ven. e dom. 9.30 – 19.30;
gio. e sab. 9.30 – 22.30
Info: www.palazzoreale.it; www.fondazionevedova.org
Ingresso gratuito

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


uno − = 0