L’Oriente tra noi

0

Alla Fabbrica del Vapore si visita la mostra internazionale “L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina”. Un viaggio straordinario che riporta a 2.200 anni fa, nella necropoli di Qi Shi Huangdi.

Ecco una mostra, curata da Mario Iacampo e Fabio Di Gioia, che rappresenta l’esposizione più completa mai creata sulla necropoli, sulla vita del Primo Imperatore Qin Shi Huangdi e sull’esercito di Terracotta, ottava meraviglia per impatto visivo che l’ha resa famosa nel mondo.
Le statue, le armi, le armature, i carri da guerra, il vasellame e gli oggetti che richiamano alla vita quotidiana dell’antica Cina presenti in mostra, sono stati riprodotti direttamente dagli originali grazie a preziosissimi calchi che è stato possibile applicare solo una volta. Le sculture sono state rifinite secondo il metodo antico, da artigiani cinesi della regione di Xi’An. La spettacolarità di queste riproduzioni è dovuta al realismo dei magnifici decori ed è rafforzata da affascinanti suggestioni luminose e audiovisive. Le statue originali si possono vedere solo a Xi’an, nella Cina orientale, da qui l’invito degli organizzatori a visitare la necropoli cinese.
Si tratta di più n corpus di circa 300 riproduzioni tra oggetti, statue -oltre 170 soldati- carri, armi quelli che si possono ora ammirare alla Fabbrica del Vapore, non a caso cuore della China town meneghina, in una tensostruttura creata appositamente nella grande corte.
La bellezza delle statue e delle opere ritrovate, la loro storia, la spettacolarità che il sito archeologico offre allo sguardo del visitatore rivivono tra effetti di luce e narrazione multimediale grazie a una suggestiva installazione che conclude il percorso.

“L’Esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina”
Milano, Fabbrica del Vapore – via Procaccini, 4
Dall’8 novembre al 9 febbraio 2020
Orari: mer.-ven.-sab.-dom.-lun. 10-20; gio. 10-23; mar. solo su prenotazione (gruppi, scuole, festivi
Info: www.esercito-terracotta.it

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


nove − = 5