Al via le Olimpiadi

0

in foto Carolina Costagrande

di Emina Ristovic da Italian Heritage

Mancano pochi giorni all’apertura dei Giochi Olimpici di Londra, al via il 27 luglio. A rappresentare l’Italia ci
saranno 292 atleti: 165 uomini e 127 donne. Per la prima volta nella storia tutti i Paesi partecipanti avranno
almeno una rappresentante femminile. Conosciamo meglio le atlete azzurre delle Olimpiadi: sportive di grande rilievo, ma anche mamme, mogli, fidanzate, figlie.

Valentina Vezzali, la porta bandiera e grande campionessa della scherma, inizia la sua carriera nel club scherma Jesi, prima di arrivare, nel 1999, alle Fiamme Oro della Polizia di Stato. Diventa campionessa olimpica nella competizione individuale di Fioretto a Sydney nel 2000, confermandosi anche ad Atene (2004) e a Pechino 2008. Nella lunga carriera vanta anche la medaglia d’oro a squadre sia ad Atlanta nel 1996 che a Sydney, ed ha conquistato 11 volte la Coppa del Mondo. L’ultima medaglia d’oro a squadre l’ha vinta negli Europei di Legnano, il giugno scorso.

Carlotta Ferlito ha soltanto diciasette anni ed è già vincitrice di tre medaglie ai Giochi Olimpici Giovanili del 2010, oltre di essere la vicecampionessa europea alla trave. Già giovanissima, a soli 12 anni, lascia la sua terra, la Sicilia, per seguire la sua passione per lo sport. Il pubblico l’ha conosciuta meglio all’interno di “Vite Parallele”, il docu-reality che ha seguito la vita di giovani ginnasti del Centro Tecnico Federale di Ginnastica Artistica di Milano.

Federica Pellegrini inizia la carriera nel 1995 a Serenissima Nuoto. È la prima donna italiana ad aver vinto la medaglia d’oro nel nuoto a Pechino nel 2008. Detiene un altro primato, quello di essere la prima donna al mondo a scendere sotto i 4 minuti nei 400 metri stile libero, ottenuto ai mondiali di Roma nel 2009, vincendo l’oro. Ed è l’unica nuotatrice italiana d’aver battuto il record mondiale in più di una specialità.

Simona Gioli, la pallavolista, ha vinto due coppe mondiali. È un perfetto esempio di donna che cerca di conciliare due mondi così diversi, quello dello sport e quello della famiglia e ci riesce benissimo. Infatti meno di due mesi dopo la nascita del figlio, avvenuta a settembre 2006, è tornata ad allenarsi e a gocare le partite con la sua suadra.
Per questo “primato” e’ stata sopranominata “Mamma Fast”.

Sara Errani è la giovane tennista, classe 1987. Inizia giovanissima a partecipare ai tornei professionistici, entrando a soli 19 anni tra le prime 200 del mondo. Quest’anno ha vinto Roland Garos in doppio, e ai tornei di Acapulco, Barcelona, Madrid e Roma.

Josefa Idem è canoista di origine tedesca ,naturalizzatata italiana. A 48 anni sta per intraprendere l’ottava avventura olimpica di Londra. È l’unica atleta a tenere questo incredibile primato. Con una carriera lunga 35 anni, ha iniziato a soli 11 anni la canoa, ha vinto 6 Ori, 11 Argenti e 9 Bronzi (in Mondiali e alle Olimpiadi). Agli Europei, invece, ha vinto 8 Ori, 2 Argenti e 2 medaglie di bronzo. Riesce con successo occuparsi della famiglia, facendo ancora gare importanti ed ottenendo ottimi risultati.

Nella foto in alto Francesca Piccini, pallavolista , 5 volte campionessa mondiale, votata tra le piu’ sexy atlete italiane alle Olimpiadi di Londra 2012

Per sapere di piu’ di Josefa Idem

 

Emina Ristovic – serba d’origine però vive in Italia da 12 anni.Laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche a Gorizia, dopodiché ha fatto un master in Studi Est Europei, a Bologna.E’ approdata al giornalismo per puro caso, due anni fa, dopo aver pubblicato nel 2009 il suop  primo romanzo in Serbia. Da giugno collabora con una rivista italo-americana, The Italian Heritage Magazine, per la quale ha scritto di recente un articolo breve sulle Italiane in gara alle Olimpiadi.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


+ cinque = 8