L’implacabile

0

20 anni dalla morte di Serafina Battaglia 

di Daniela Tuscano


Battaglia di nome e di fatto. Nome paradisiaco e cognome di guerra.

E Battaglia, alla guerra va. Sarebbe perdente. Ma vince, come un’amazzone, come una diavolessa, con quegli occhi di carbone, nera ma bella, bella perché nera.

È una Sharazade palermitana, Serafina la battagliera, che non ha più nulla da perdere da quando ha perso i figli. È vedova d’un mafioso, voleva vendetta, ma il primogenito è stato sconfitto e ucciso, il secondo che non aveva alzato un dito gliel’hanno eliminato lo stesso. Allora Serafina combatte. È madre, è dea, la sua casa è un tempio dove l’officiante è lei. Denuncia, accusa, vuota il sacco di fronte al giudice Terranova. Tentano di ammazzarla tre volte. Lei riesce a farli condannare tutti. Prima di Impastato è lei a definire la mafia “una m…”. Non invoca più vendetta. Parla di giustizia. Voce ferma, forte e chiara. Capelli avvolti nello scialle nero. Tutta coperta e mai così libera. Uscita dalla grotta, declama: se tutte le mogli dei morti ammazzati si decidessero a parlare, la mafia in Sicilia non esisterebbe più da un pezzo.

Quando un giornalista le fa notare che sua nuora, la moglie di suo figlio, non ha denunciato, ribatte: lei, con mio figlio, è andata a letto, ma io mio figlio l’ho fatto. Implacabile come solo una donna sa essere, scompare a 85 anni. Ma chissà se li aveva compiuti. Perché la data di morte è completa, della nascita però abbiamo solo l’anno. Accade così, in certi antri di un’Italia africana.

Onore alla battaglia di Serafina, a questa divinità ionia scura come la notte, che ha negli occhi il giorno.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


+ 5 = dieci