Visitare una mostra ai tempi dei dispositivi elettronici

0

Ci dovremo abituare sempre di più ad andare per mostre in musei e gallerie con il nostri smartphone o tablet sempre a portata di mano. Succede anche alla Gam di Milano per l’esposizione in corso “The Falseness of Holes” dell’artista serba Aleksandra Domanović.

di Flavia Capudi Schenone

Vincitrice della V edizione del Premio Arnaldo Pomodoro per la Scultura, Aleksandra Domanović si è ispirata a una scultura di Medardo Rosso, la “Portinaia”, custodita alla Galleria d’Arte Moderna, per dare vita a un viaggio virtuale all’interno della Sala del Parnaso. Dopo aver integrato la scultura con un supporto tecnologico di Realtà Aumentata (AR) che consente di sovrapporre immagini virtuali alla visione del contesto reale, l’opera dell’artista serba è visibile non nello spazio fisico, dove invece è esposto il lavoro di Medardo Rosso, ma su dispositivi personali portatili (smartphone e tablet) su cui i visitatori possono scaricare il software di accompagnamento. L’installazione site specific è al contempo scultorea e immateriale, da un lato in dialogo con il pensiero formale di uno dei grandi maestri della scultura del secolo scorso, Medardo Rosso, dall’altro uno slancio sperimentale verso l’utilizzo delle nuove tecnologie digitali, da lei elevate tra i linguaggi possibili anche della scultura contemporanea.
La mostra è ideata e prodotta dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro con la collaborazione della GAM. In concomitanza, la Fondazione ha promosso un riallestimento temporaneo della Sala XXVII dove sono esposte anche quattro fotografie di Rosso, concesse dal Museo Medardo Rosso di Barzio.

Aleksandra Domanović
The Falseness of Holes
GAM – Galleria d’Arte Moderna di Milano
Via Palestro, 16
Da martedì a domenica 9:00-17:30
Biglietti: intero 10,00€; ridotto 8,00€
Info: Fond. Arnaldo Pomodoro tel. 0289075394; www.fondazionearnaldopomodoro.it

GamGam6 Gam8 Gam7 Gam5 Gam4 Gam3 Gam2 Gam

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


+ due = 11