Carla Fracci per sempre

0

fracci3Le esequie di Carla Fracci sono state solo ieri a Milano e già ci manca. Ricordo da ragazza ero una sua ammiratrice e la mimavo nel salone di casa mia, aspirando a diventare Lei, la grande. Mettevo i passi uno davanti all’altro, anche senza scarpette da ballo, ma nella mia mente c’erano. E fu allora che  cominciai ad amare la danza ma mai ho proseguito su questa strada perchè dicevano fossi troppo alta o forse la mia determinazione a riuscire nell’impresa non era pari alla sua. E quindi mi accontentai di ballare in discoteca o da sola.

Una pietra miliare nella danza classica in Italia e nel mondo che ha portato la sua arte anche fuori dai teatri,

Come racconta Marina Genovesi che dirige la scuola di danza del teatro di Mantova, è stata un grande esempio di disciplina e professionalità.
Ha insegnato infatti  l’interpretazione dei personaggi, abbinando la tecnica alla spiritualità
Il suo messaggio era diretto anche ai non addetti ai lavori poiché metteva il gesto al posto della parola

fracci-tranviereLe sue origini sono umili ma la cultura del marito  il regista teatrale Beppe Menegatti, ha colmato  alcune sue eventuali mancanze. Il padre era un tranviere ed ha di recente dichiarato che sarebbero state proprio  delle persone, mentre lei ballava il tango all’Idroscalo di Milano ( perché lei ha iniziato proprio con il tango e il valzer), a notare il suo talento come danzatrice e a indirizzarla, dicendolo ai genitori, al teatro alla Scala. Ha studiato alla scuola di ballo del Teatro alla Scala con Vera Volkova e lì si è diplomata nel 1954. Nel 1958 è diventata prima ballerina.

L’ultima sua interpretazione meravigliosa e commovente Carla l’ha fatta durante una lezione magistrale ai primi ballerini della Scala : l’argomento era Giselle, il suo cavallo di battaglia !

Ho avuto l’onore ed il piacere d’incontrarla con il marito, tutta vestita di bianco ad un convegno e di scambiare due parole con lei

Addio Carla ti ricorderemo sempre.

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


4 − tre =