Io resto a casa 18

0

Danilo Annecchiarico  Fisioterapista e Osteopata campano che ha deciso di rimanere per non portare il  Covid  al sud.

Vedi altre testimonianze

Da quanto tempo sei in casa?
Sono rimasto  confinato a casa  dal 7 Marzo  e anche se campano, ho deciso di rimanere a Milano dove risiedo  con mia moglie e non portare il virus al sud.

Come hai distribuito le tue giornate?
Nelle mia prima settimana di distanziamento sociale ero disorientato e questo mi ha portato ad essere poco attivo. Ho trascorso molto tempo sul divano e le giornate passavano ma concludendo poco. Dalla seconda settimana ho cominciato ad organizzare le mie giornate, la mattina seguo corsi FAD ( Formazione a Distanza ) di aggiornamento, il pomeriggio faccio dei lavoretti in casa.

Cosa hai privilegiato di fare nel tempo che ti resta libero?
Ho approfittato del tempo libero per ascoltare un po’ di musica, chiamare amici e parenti che non sentivo da tempo, approfondire degli argomenti inerente alla mia professione, la cosa che mi ha stupito è stato il mio disinteresse per i film.

La solitudine ti stressa? Come riesci a superarla?
Non soffro di solitudine, anche perché in questo periodo che abbiamo molto più tempo, sì effettuano molte più chiamate ad amici e parenti, se ci si organizza bene la giornata, il tempo per pensare alle cose brutte della vita non c’è.

Le mascherine ti danno la sensazione di proteggere te o gli altri?
Qui entriamo in un argomento più tecnico, mi limito a dire solo che dovremmo utilizzarle tutti, nel rispetto di tutti.

Cosa ti manca di più in questa situazione di emergenza e restrizione di spostamento?
La cosa che mi manca di più oltre a mia figlia di due anni, rimasta  con i nonni. Può sembrare strano per molti, ma mi manca il mio lavoro, i miei pazienti, la possibilità di aiutare qualcuno è una delle cose che più mi gratifica, è da un senso a tutte le mie giornate.

Qual’è la prima cosa che farai appena finita l’emergenza?
Appena mi daranno la possibilità, riabbracciare mia figlia.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Proprietaria di www.dols.it di cui è direttore editoriale e general manger Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


− tre = 1